Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 31 Ottobre 2023

241

In questo mese Gesù ha parlato spesso del regno di Dio. Lo ha citato come presente ora nella vita di chi lo segue; ha descritto chi è considerato grande in esso; ha parlato di come avvicinarcisi. Ora lo paragona a un granello di senape che diventa un albero, nido per gli uccelli e al lievito per la farina.

È qualcosa che cresce, lentamente e silenziosamente, luogo di accoglienza e cibo per gli affamati. È un regno di amore, dove si accoglie chi cerca rifugio. È un luogo di comunione: tra i suoi rami convivono genti di tutte le provenienze. È un luogo che nell’amore permette alla farina di lievitare tutta: permette che i talenti del singolo fioriscano e che la persona umana cresca in sapienza e grazia, avvicinandosi alla propria compiutezza. Il regno di Dio permette all’uomo di diventare se stesso, perché solo nell’amore si è liberi.

Solo quando si è forti di un amore si abbandonano le maschere e si segue la verità. Di questi luoghi ne esistono intorno a noi: sono il segno concreto della verità e attualità di ciò che Gesù ci ha detto.
Il regno nasce come un granello, qualcosa di piccolo, un seme fatto germogliare dallo Spirito Santo nel cuore dell’uomo. E se trova un terreno che lo accoglie supera le sue forze e si estende intorno a lui.

- Pubblicità -

Per riflettere

Preghiamo lo Spirito Santo perché continui a instillare semi di santità e di amore nel mondo, e perché noi possiamo cercarli e seguirli con sincerità di cuore.

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi