Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2023

316

Dopo aver scardinato il principio dell’“occhio per occhio”, Gesù fa un altro affondo, ancora più radicale contro le logiche dei farisei.

Infatti, non è raro trovare nell’Antico Testamento giustificazioni all’odio verso i nemici d’Israele soprattutto in quanto nemici di Dio e quindi legittimi oggetti di odio e violenza. E contro queste logiche che Gesù oppone un amore radicale, non solo nel privato delle relazioni personali, ma anche verso i nemici della comunità.

L’atteggiamento che Gesù vuole scardinare è quello tribale, che ha sempre caratterizzato la storia di Israele e quella umana. Le nostre tribù sono la famiglia, il luogo di lavoro, gli amici, le associazioni e regrediamo allo stato tribale nel nostro quotidiano quando ci sentiamo aggrediti. Allo stesso tempo, comportarci come tribù ci è utile per navigare la complessità della vita, visto che ci permette di identificare un nemico comune e di coordinarci verso uno scopo condiviso, lasciandoci la scusa del “io stavo eseguendo gli ordini del capo tribù” o “così si fa nella mia tribù”. Per questo spesso chi vuole comandare vorrebbe farci sentire come una tribù in guerra, a costo anche di inventarsi un nemico che non esiste.

- Pubblicità -

Ecco, Gesù vuole spezzare queste catene che ci spingono a comportarci come branchi di animali, disperati e accecati per la paura di non avere risorse. E sa che questo da un lato vuol dire portare divisione all’interno delle nostre tribù (il figlio contro il padre e la figlia contro la madre), dall’altro risveglia in noi la paura di ritrovarci soli, indifesi, senza il sostegno del branco. Ma la risposta a questa fondamentale solitudine dell’uomo non è accettare che siamo tutti la preda di qualcun’altro, bensì che siamo l’oggetto di amore di qualcuno, il Signore, e che quindi non siamo mai soli. E mettendo questo al centro, la nostra vita si sbilancia in un’altra direzione, verso l’altro e non contro, e da questo possiamo iniziare a costruire vere comunità.

Per riflettere

Qual è la mia tribù, il mio branco? Quando è che mi comporto in maniera irrazionale ed egoistica per farne parte? Riesco invece a liberarmi da questi condizionamenti per permettere al Signore di farsi spazio nella mia vita?

✝️ Commento al brano del Vangelo di:  ✝ Mt 5,43-48

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi