Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 19 Ottobre 2023

190

Questo brano di Vangelo, così duro e di difficile comprensione lascia interdetti. L’impietoso giudizio di Gesù colpisce duramente chi non riconosce i testimoni di Dio, chi li perseguita, e soprattutto la generazione che perseguiterà il figlio di Dio. Questo linguaggio duro suscita un immediato rifiuto in coloro ai quali si rivolge: è un naturale istinto di conservazione, ma chiude ogni possibilità di cambiamento.

Quando ciò che la Chiesa o il Vangelo ci propone è duro, e suscita in noi una reazione di rifiuto, occorre decidere se fermarsi alla reazione o essere disponibili a cambiare idea, a indagare cosa vuole comunicarci il Signore.

In questo brano viene sottolineata inoltre l’importanza della parola, e in particolare l’attenzione da tenere su ciò che diciamo di coloro che sono intorno a noi e i giudizi che diamo. La maldicenza, il pettegolezzo o le parole che nascono dall’invidia e dall’orgoglio sono infatti un veleno che impedisce di accostarsi al bene.

- Pubblicità -

Soprattutto all’interno della comunità sono una grave responsabilità: esse spostano infatti lo sguardo dal motivo per cui si sta insieme, la presenza di Gesù (“dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro”), alla parte umana e peccatrice della persona, ovvero quella legata al peccato originale.

Il focus del rapporto tra le persone si sposta così sul livello puramente umano, istintivo, animale, e quante comunità soffrono per questa fatica! L’unico legame che può unire persone diversissime e con caratteri anche incompatibili è lo sguardo rivolto alla salvezza, all’eternità. Non esiste altro modo perché possa crearsi ciò che è umanamente impossibile se non per l’intervento divino.

Per riflettere

Preghiamo perché vengano sanate le divisioni delle nostre comunità, e perché noi per primi teniamo gli occhi fissi su Gesù per diventare strumenti di pace.

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi