Insieme tra noi, con Maria: riflessione per il cammino di Avvento

11

Qualunque cosa accada, di qualsiasi genere sia la tribolazione che ci opprime, non siamo soli e abbandonati al nostro destino. Quando tutto sembra crollare e da ogni parte preme l’angoscia, il Signore ci sussurra: “Alzatevi e levate la testa, perchè la vostra liberazione è vicina”.

[ads2]E’ il sussurro di Colui che ci ama, che dice parole di sostegno, che consola, incoraggia, rincuora, tutto perchè tiene a noi, come cosa più preziosa e unica. In mezzo al disordine delle nostre vite, Lui vuole ancora nascere come bambino per diventare segno di speranza e fiducia e soprattutto di gioia. E continua a sussurrarci che il nemico della gioia non è il dolore , ma l’egoismo, l’egoismo che spreca la vita, l’egoismo che vuole di più per sprecare di più, l’egoismo che rifiuta a chi non ha.

In questo tempo di attesa camminiamo stretti per mano con Maria, per non smarrire la strada e per essere sicuri di non perderci per via. Camminiamo stretti per mano fra di noi, per essere sicuri che davanti agli ostacoli, troviamo aiuto e sostegno. Insieme tra noi, con Maria. Buon avvento.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 6 dicembre 2015 – padre Gian Franco Scarpitta – Al di là del castigo, la misericordia
Articolo successivop. Fernando Armellini commenta il Vangelo di domenica 6 dicembre 2015