Gv 8, 51-59

59

- Pubblicità -

Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno.

51In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno”. 52Gli dissero allora i Giudei: “Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. 53Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?”. 54Rispose Gesù: “Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: “È nostro Dio!”, 55e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. 56Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia”. 57Allora i Giudei gli dissero: “Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?”. 58Rispose loro Gesù: “In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono”. 59Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

LEGGI TUTTI I COMMENTI AL VANGELO DI QUESTO BRANO

Articolo precedentePreghiera universale della Domenica delle Palme 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022