Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo di Domenica 9 Giugno 2019

160

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 9 Giugno 2019 – Anno C, Domenica di Pentecoste, dai microfoni di Radio Vaticana e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

GRAZIE ALLO SPIRITO SI È “A CASA” NEL BENE

In greco il termine “Paraclito” corrisponde al latino ad-vocatus e letteralmente vuol dire “colui che è chiamato vicino”. Era l’antico compito dell’avvocato difensore che non parlava al posto dell’imputato, ma gli stava vicino e lo consigliava su come difendersi.

Lo Spirito Santo non fa le cose al posto nostro ma ci consiglia cosa fare e noi possiamo accogliere o trascurare le sue ispirazioni. La nostra libertà è preziosa agli occhi del Signore e lo Spirito Santo non è una prevaricazione, ma innesca una relazione personale adulta. Con Lui si cammina nella libera adesione, non nelle forzature.

Talvolta, nella fase dell’immaturità spirituale, si desidera essere gestiti come degli schiavi, chiedendo obbedienze e indicazioni per uscir di impaccio nelle situazioni, ma la fede non funziona così.

Obbligo e compulsione caratterizzano invece la tentazione, come è evidente quando un vizio domina la vita di una persona: allora si è schiavi, non liberi.

Lo Spirito Santo per sua natura ispira, tocca interiormente. E se gli si apre la porta, introduce all’intimità con Dio.

Il Vangelo usa un’espressione notevole per parlare di questa intimità: «Prenderemo dimora presso di lui». Nell’Antico Testamento, la dimora di Dio era il Tempio. Il nuovo tempio di Dio è il cuore dell’uomo, la parte più profonda del suo essere.

Notiamo bene: “prendere dimora” è il contrario di una relazione occasionale o transitoria. Vivendo in casa con qualcuno si sviluppano naturalmente delle consuetudini. Mentre alcuni pensano che la vita cristiana sia il compimento di una serie di doveri esterni, in realtà si tratta di vivere con delle belle abitudini, in una relazione stabile, continuata. Non si tratta di vivere l’eccezionale ma l’ordinario, questo è dimorare. Non si tratta di fare una cosa bella, ma di fare tutto secondo bellezza.

UNA GUIDA INTERIORE.

Siamo nella festa di Pentecoste ed è giusto chiedersi cosa significhi essere guidati dallo Spirito Santo. Si può pensare a una guida esteriore, una sorta di navigatore che momento per momento dice se girare a destra o sinistra. Ma così saremmo marionette, non persone.

Lo Spirito Santo parla invece nel profondo, dove insegna e ricorda facendo crescere il cuore, familiarizzandolo al bene e al profumo delle cose limpide; di conseguenza ci si sente a proprio agio nell’amore, nella tenerezza e nella cura, sentendosi “a casa” nel bene e provando estraneità per il torbido e per il perverso.

Per contro chi ha lo spirito del mondo ha simpatia per l’ambiguo e il malizioso, è intrigato dal parlar male, è divertito dalla trasgressione, cerca soddisfazione e piacere in ogni istante, prova antipatia per le cose semplici e lineari.

Il bene è una bellissima ragazza acqua e sapone, struccata e semplice che non si impone; ma se la noti, ti innamori perdutamente. Il male è una ragazza bruttina ma truccata pesantemente, piccante e triviale, che distrae e abbindola.

Il male seduce, il bene rispetta. Non giocano lo stesso gioco. Chi ha lo Spirito Santo ha imparato la differenza.

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini

Link al video

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.