Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo di Domenica 31 Marzo 2019

195

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 31 Marzo 2019 – Anno C, dai microfoni di Radio Vaticana e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

È la casa del padre il luogo più bello

La quarta domenica di Quaresima è dedicata alla letizia e illumina il cammino quaresimale come sentiero verso l’esultanza pasquale. La penitenza cristiana, infatti, non è un perfezionismo sterile ma un percorso verso la gioia vera.

Ma da dove viene questa gioia? E cosa gli si oppone? La liturgia ci dona la parabola del padre misericordioso. Si parte da un banchetto in cui Gesù viene contestato da farisei e scribi, che mormorano sulla qualità dei commensali: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».

«Ed egli disse loro questa parabola: Un uomo aveva due figli…». La parabola è per gli scribi e i farisei. Il destinatario principale è l’ultimo personaggio, spesso trascurato nei commenti, l’unico che non arriva alla festa: il fratello maggiore. Costui nella gioia non ci sa entrare.

L’immaginario collettivo è rapito dalla storia più intrigante del fratello minore, che arriverà alla festa autentica per una strada complicata, quella del fallimento. Il suo delirio di autonomia lo porterà a celebrare piacere e divertimento il più lontano possibile da suo padre – immagine dell’inganno diffuso di poter vivere veramente solo quando ci si libera da ogni autorità e si diventa despoti assoluti della propria esistenza. La triste scoperta di quest’uomo è che non ci sarà gioia in quel che ci si procura con gli orgasmi carnali, ma solo autodistruzione. Ma una volta giunto al baratro inizia la sua salvezza con una frase grandiosa – che da sola meriterebbe molta ri‡flessione – : «Allora ritornò in sé…».

Rientrare in sé, tornare sé stessi, riscoprire il proprio cuore, riprendere contatto con la propria sapienza. Questo uomo inizia a capire suo padre. Era andato a cercare il paradiso in paesi lontani, ma scopre che la casa del padre è il luogo più bello del mondo. Tornando troverà ancor di più di quel che pensava. Ma non sarebbe tornato se prima non si fosse frantumata la sua visione di sé e della realtà. Ora può essere felice a casa sua.

COERENZA DA SCHIAVO

Invece il fratello maggiore sta messo peggio, si è abituato a stare con suo padre da sguattero e non da fiƒglio, rimanendo in una mentalità servile. Con la sua coerenza da schiavo, non riesce a cambiare la sua idea del padre. «Io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando». In fondo anche lui pensa male del padre: lo percepisce padrone, non padre. E poiché si sente giusto non arriva alla crisi, non si mette in discussione.

Il suo disprezzo del fratello svela l’inganno: il minore viene festeggiato, ma torna dalle godurie – bella roba! Pensa che il fratello se la sia passata bene e ora gli viene fatta pure la festa! Ma che idea ha della trasgressione? Un piacere vietato. Invece si tratta di morte.

Ma una buona volta che si fa una bella festa, perché non entrarci? Perché il totem della sua mentalità non si frantuma. La sua idea di festa sarebbe un capretto e quattro amici. Robetta.

Il Signore ha molto di più da darci: tanta gente, musica, danze, un vitello grasso e soprattutto un fratello perduto da ritrovare.

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini

Link al video

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.