Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo di Domenica 17 Febbraio 2019

211

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 17 Febbraio 2019 – Anno C, dai microfoni di Radio Vaticana e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

COME FARE SPAZIO A DIO NELLA NOSTRA VITA

A differenza delle otto del discorso del monte di Matteo, in Luca le beatitudini sono quattro e vengono opposte a quattro annunci di sventura. Perché? Gesù non ha detto le cose importanti una sola volta, avrà sicuramente ripreso certi temi in più situazioni, e qui Gesù parla di beatitudine – argomento classico della letteratura biblica – in un altro contesto. Il luogo in cui ci troviamo dà un taglio differente: l’introduzione precisa che siamo in pianura, e dal testo successivo apprendiamo di essere alle porte di Cafarnao. Questa città era un importante snodo della cosiddetta “via del Mare”, strada di grande percorrenza verso il Sud e verso il Mediterraneo. Un luogo di passaggio in cui c’è una grande folla e tanta umanità in transito.

Gesù viene dal monte, dove ha scelto i Dodici dopo una notte di preghiera. Viene dal silenzio, dall’intimità con Dio e dal discernimento con i suoi discepoli. E ora c’è una calca che lo ascolta in mezzo alla gente che passa…

Allora Gesù dice cose del tipo: «Beati voi, che ora avete fame… che ora piangete… ma guai a voi, ricchi, perché avete già ricevuto la vostra consolazione… che ora siete sazi… che ora ridete». E batte su questo tasto: tutto si decide su come state ora, in questo preciso momento, e se ora state ben messi, guai a voi. E perché?

Si capisce ancora meglio dal versetto che segue il nostro testo, in cui Gesù dice: «Ma a voi che ascoltate, io dico…». Chi lo ascolterà? Questo è il discrimine: gli darà retta chi è povero, chi ha fame, chi sta piangendo. Un ricco ha già la sua consolazione, e questo predicatore non lo sta a sentire. Perché dovrebbe ascoltarlo?

Ecco il paradossale rovesciamento di prospettive che questo Vangelo porta con sé: la felicità di Cristo non è disponibile per chi ha la pancia piena. Chi è sazio e divertito è sbadato e appagato, e non si rende conto della sua mediocrità e delle trappole che lo aspettano. Un salmo dice: «L’uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono».

LA NOSTRA POVERA VERITÀ.

Si può leggere tutto questo in prospettiva esterna, ma anche in dimensione interiore: in noi c’è una parte povera, ci sono lacrime, c’è qualcosa di incompleto e carente, e questa miseria è la porta d’ingresso del Salvatore. La preghiera entra per lo squarcio d’incompletezza che ci portiamo dentro, la percezione della nostra insufficienza è la nostra povera verità. Ma è proprio questa povertà che ci fa accogliere il Salvatore. La Vergine Maria dice lo stesso nel Magnificat: «Ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato a mani vuote i ricchi.»

Sotto il punto di vista spirituale la nostra miseria è il nostro punto di forza, lo spazio di Dio nella nostra vita. E pensare che noi odiamo le nostre povertà… L’esperienza conferma che cercare di parlare al tronfio, al soddisfatto, al potente che è in noi, è una battaglia persa. Il libro dei Proverbi dice: «Prima della rovina viene l’orgoglio, e prima della caduta c’è l’arroganza». Vero.

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini

Link al video

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.