L’invito del Vangelo di questa Domenica è a stare attenti, vegliare, perché anche se a volte l’attesa della venuta del Signore è così lunga non possiamo abbandonarci alla logica del mondo, ma dobbiamo avere l’umiltà e il coraggio di attendere con pazienza saggiamente, dandoci da fare, senza sederci; è ciò che fanno le vergini sagge, hanno riempito le lampade della loro vita con l’olio dell’amore, nelle piccole azioni quotidiane hanno aggiunto piccole dosi di olio per poi essere pronte, non si sono fatte i calcoli in tasca, hanno amato senza riserve, gratuitamente mettendo tutto se stesse in ciò che facevano.

Non scoraggiamoci come le vergini stolte, che non pensano a vivere l’amore di Dio e dei fratelli su questa terra, sforziamoci di accogliere questo messaggio, di essere nel mondo sapendo che non finisce tutto con il mondo, impegniamoci concretamente a compiere il bene, qui ed ora, operativi perché il Signore arriverà quanto meno c’è lo aspettiamo!

Essere quindi pronti, avere tutto l’olio a disposizione per poter iniziare una nuova vita all’insegna del Vangelo. Prendiamoci del tempo ora per donarci agli altri perché è troppo breve per sfruttarlo pensando solo a noi stessi e al nostro io. 


Commento a cura di don Guido Santagata della Parrocchia Santa Maria Assunta-Duomo di Sant’Agata de’Goti (BN)