Home / Vangelo della Domenica / Per i giovani / Commento alle letture di domenica 24 Marzo 2019 per bambini – ElleDiCi

Commento alle letture di domenica 24 Marzo 2019 per bambini – ElleDiCi

Spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

Terza Domenica di Quaresima – 2019

PRIMA LETTURA (Es 3,1-8a.13-15)

Capire le parole

  • Mosè, Mosè!: la ripetizione del nome da parte di Dio indica la chiamata ad una missione speciale e la volontà di Dio di legarsi in maniera del tutto speciale a quella persona.
  • Oreb: è una montagna dell’Egitto che si trova nella parte meridionale della penisola del Sinai.
  • Io Sono: è il nome con cui Dio si presenta; «Io sono colui che sono!» indica la non necessità di alcuna descrizione o aggettivo, Dio è semplicemente Colui che esiste, senza riferimenti (né limitazioni) di tempo e di luogo.

SECONDA LETTURA (1 Cor 10,1-6.10-12)

Capire le parole

  •  I nostri padri: gli antenati nella fede, coloro a partire dai quali si svolge la storia del popolo eletto.
  • Ammonimento: severo avvertimento volto alla prudenza dinanzi a un pericolo spirituale e in vista della scelta più giusta.

VANGELO (Lc 13,1-9)

Capire le parole

  • Sacrifici: uccisione di esseri animali per offrirli a Dio. In realtà, Dio più volte ribadisce di gradire il sacrificio “spirituale”, che si esprime nell’offerta di se stessi a Dio e nel dono della propria vita ai fratelli.
  • Tre anni: all’inizio del primo anno, all’inizio del secondo e all’inizio del terzo il proprietario della vigna (Dio) viene a vedere se l’uomo ha prodotto frutti buoni, ma lo trova pigro e indolente; ecco perché il vignaiolo chiede di aspettare “ancora un anno”; alla fine del terzo anno (quarta visita) si vedrà se ci saranno finalmente frutti buoni nella persona a cui è stato accordato più tempo.

Fonte

Scarica e colora la vignetta di RobiHood

ROVETO ARDENTE

VEDI ANCHE

Commento al Vangelo del 28 Aprile 2019 – P. Antonio Giordano, IMC

La prima apparizione del Risorto è avvenuta il giorno stesso della risurrezione: “La sera di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.