Commento al Vangelo di domenica 8 novembre 2015 – don Piero Rattin

73

Quando totalità fa rima con felicità…

Molti si considerano bravi perché danno qualcosa: del loro denaro, del loro tempo, delle loro competenze o abilità. Poi tuttavia, dopo qualche istante di gratificazione, in fondo al cuore si ritrovano comunque insoddisfatti: perché?

A cura di don Piero Rattin per Vita Trentina Editrice

XXXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

[ads2]Mc 12, 38-44
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».
Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo.
Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[ads1]

Articolo precedenteMeditazione Mattutina di Papa Francesco del 6 novembre 2015 a casa Santa Marta
Articolo successivoCommento al Vangelo del 8 novembre 2015 – don Mario Poggi