Commento al Vangelo di domenica 22 Dicembre 2019 – d. Giacomo Falco Brini

62

Gli anelli della lunga genealogia di Gesù con cui Matteo avvia il suo racconto si interrompono al nome di Giuseppe, detto lo sposo di Maria (Mt 1,16). L’interruzione segna l’irruzione di Dio all’interno di questa storia con qualcosa di assolutamente nuovo che la rende asimmetrica. Colui che deve venire secondo le promesse dalla discendenza davidica, giunge saltando la generazione umana: prima che andassero a vivere insieme Maria si trovò incinta per opera dello Spirito Santo (Mt 1,18b). Per noi che abbiamo ereditato la fede cristiana può sembrare alquanto semplice accogliere questa verità. L’incarnazione del verbo di Dio è uno dei fondamenti del cristianesimo. Ma provare a immaginare e meditare sulle scarne notizie che ci dà il vangelo di Matteo, può aprire una finestra su ciò che per Giuseppe (e anche Maria) deve essere stato un vero e proprio dramma.

A Giuseppe infatti si è promessa Maria quale sua sposa (Mt 1,18a). Dunque egli si trovava sulla soglia del coronamento del suo sogno d’amore, quando viene a sapere direttamente da lei sul suo stato interessante. Probabilmente anche da Maria ricevette subito il suo segreto, cioè di come le fosse stata annunciata l’imminente gravidanza attraverso la visita e la comunicazione dell’angelo Gabriele. E così Giuseppe, non allo stesso modo di Maria, vede la propria attesa d’amore saltare per aria. La sua promessa sposa porta in grembo una vita per la quale non ha fatto nulla, non c’è stato il concorso della sua relazione esclusiva. In Israele una tale situazione colloca l’uomo nella possibile, estrema opzione della lapidazione quale atto di ripudio verso un amore promesso ma infranto. Ma è qui che Giuseppe ci viene già presentato come un uomo sorprendente: poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto (Mt 1,19).

Giuseppe sa che la legge gli riconosce un diritto/dovere preciso. Eppure non riesce nemmeno a pensare di esporre Maria al pubblico ludibrio. Una certa reazione al “maschile” lo richiederebbe. No, il suo pensiero si volge piuttosto a un’ipotesi di ripudio segreto, cioè qualcosa con cui egli prende atto della relazione irreversibilmente cambiata con Maria senza però ledere la sua dignità, senza recarle offesa. Ora, questo modo di pensare denota 2 aspetti precisi della sua anima: 1) Giuseppe non riesce ad accogliere il cambiamento di programma che la realtà gli presenta insieme alla spiegazione di Maria. Diversamente non si sarebbe affacciato al suo cuore il pensiero che potremmo riassumere così: “devo ripudiarla, ma come?” 2) C’è però in Giuseppe uno sguardo su Maria così “giusto” che lui stesso non saprebbe spiegare. Il fatto che il suo cuore sia orientato verso un ripudio così originale e rispettoso, denota una giustizia che supera quella della legge del suo popolo. Siamo agli albori della nuova legge, quella che Dio ha promesso di scrivere nel cuore umano e senza la quale non lo si può conoscere.

Giuseppe era talmente innamorato di Maria da non sottrarsi a quel tormento interiore che prima o poi tocca solo chi ama veramente. Vediamo il suo cuore tanto umano mentre si dibatte nel dilemma di cosa fare con Maria. Ma se gli occhi sono la finestra dell’anima, allora c’è anche qualcosa di divino dentro di lui: il suo perdurante sguardo d’amore su Maria dopo la sconvolgente notizia del concepimento, indica un’apertura straordinaria del suo cuore. Giuseppe ha solo bisogno di capire di cosa si tratta. Da solo non ce la fa, non riesce a capire né lei, né sé stesso.

Giuseppe figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa… (Mt 1,20-21). Mentre egli stava considerando queste cose, cioè mentre il cuore è ancora in cerca di risposte alle proprie domande, mentre il cuore si trova di fronte a qualcosa che lo supera e non riesce a prendere una decisione, ecco che Dio viene in soccorso. Ora le parole dell’angelo in sogno rivelano chiaramente, per contrasto, ciò che tormentava Giuseppe: prendere Maria così com’è, fidandosi dello sguardo del proprio cuore e dunque credendo all’impossibile, oppure obbedire alla legge? Dio conferma in sogno a Giuseppe la versione di Maria e la sua altissima vocazione. Lo sguardo che ha su di lei è “giusto”, cioè non è stato ingannato e non si è ingannato. Lo sguardo che ha su di lei è un dono di Dio unico, come unico è Giuseppe nella sua missione: portare avanti la tappa decisiva del suo disegno di salvezza per l’umanità, custodendo la vita di Maria e del suo bambino. In Giuseppe, Dio ha donato a Maria il segno visibile e tangibile del suo amore di predilezione annunciato dall’angelo. A noi, un padre e un amico prezioso nella lotta che la fede deve sostenere lungo il cammino.

Fonte


Letture della
IV DOMENICA DI AVVENTO – ANNO A
Colore liturgico: VIOLA

Prima Lettura

Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio.Dal libro del profeta Isaìa

Is 7, 10-14 

In quei giorni, il Signore parlò ancora ad Àcaz: «Chiedi per te un segno dal Signore, tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure dall’alto».

Ma Àcaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore».

Allora Isaìa disse: «Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta stancare gli uomini, perché ora vogliate stancare anche il mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 23 (24)

R. Ecco, viene il Signore, re della gloria.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito. R.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli. R.

Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe. R.

Seconda Lettura

Gesù Cristo, dal seme di Davide, Figlio di Dio.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
Rm 1, 1-7

Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per chiamata, scelto per annunciare il vangelo di Dio – che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture e che riguarda il Figlio suo, nato dal seme di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della risurrezione dei morti, Gesù Cristo nostro Signore; per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia di essere apostoli, per suscitare l’obbedienza della fede in tutte le genti, a gloria del suo nome, e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo –, a tutti quelli che sono a Roma, amati da Dio e santi per chiamata, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo!

Parola di Dio

Vangelo

Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, della stirpe di Davide.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 1, 18-24 

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.

Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Parola del Signore

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 22 Dicembre 2019 – don Luciano Labanca
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 22 Dicembre 2019