Pubblicità
Home / Vangelo della Domenica / Commento al Vangelo del 10 Febbraio 2019 – d. Giacomo Falco Brini

Commento al Vangelo del 10 Febbraio 2019 – d. Giacomo Falco Brini

SI FIDA CHI SI APRE ALLA SFIDA

A Nazareth, in sinagoga, la parola di Dio sulle labbra di Gesù, il rotolo di Isaia tra le sue mani, gli occhi di tutti su di Lui. Oggi si è compiuta questa scrittura: l’annunciatore e l’annunciato ora sono una cosa sola. Colui che tutti attendevano in Israele è lì, davanti a loro, in carne e ossa. Ora tutto il potere creatore e salvatore di Dio sta nella parola di Gesù, nella sua persona. Una meraviglia che inizialmente ha investito persino i nazareni. Poi però, sappiamo come è andata. La parola onnipotente di Dio agisce sempre, ma gli effetti non sono gli stessi per tutti. Chi le obbedisce, coglie i frutti di ciò che essa promette e dice. Chi le disobbedisce, non sperimenta la sua potenza creatrice e salvatrice; anzi, può addirittura difendersi da essa ad oltranza, fino ad aggredire come un nemico colui che la proferisce! Ecco cosa accadde a Nazareth quel sabato. E cosa accadrà anche in seguito a Gesù, davanti al quale l’umanità comincia a spaccarsi in due parti: quelli che l’ascoltano e si aprono alla sua grazia, e quelli che reagiscono e si induriscono. In mezzo c’è la lotta spirituale per superare le resistenze interiori alle sue parole.

Ma Gesù, passando in mezzo a loro, si mise in cammino (Lc 4,30). Il versetto conclusivo del vangelo di domenica scorsa è icona della sua vita futura: il Signore passerà attraverso tutto quel mondo di rifiuti e peccati umani che gli piomberà addosso. Niente può fermare la parola di Dio, fin quando ci sarà anche solo un suo discepolo sulla terra: la parola di Dio infatti non è incatenata (2Tm 2,10). Né catene, né torture, né la stessa morte può fermare la sua corsa. Cosa avrà provato Gesù nella sua umanità per il rifiuto e il tentativo fratricida della sua città? Il vangelo di oggi invece, si apre con una scena favorevole. Ma non siamo più a Nazareth. C’è gente che gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio (Lc 5,1). Gesù predica loro, ma non li convoca in una sinagoga. Persino un peschereccio può essere idoneo per la predicazione (Lc 5,2). A me una volta è capitato di predicare in spiaggia, sotto un ombrellone, uditorio di circa 7-8 giovani. Ero così contento di farlo che, ignaro di non aver crema protettiva addosso, mi sono preso una scottatura solare! Qualsiasi luogo può essere adatto ad annunciare la parola, in momenti opportuni o inopportuni (cfr. 2Tm 4,2).

Mi sarebbe piaciuto sentire quel giorno cosa aveva predicato da quella barca. Qualcosa deve aver origliato Simone mentre lavava le reti con i suoi soci (Lc 5,2). Altrimenti, perché accordargli la barca e un po’ della sua fiducia al termine della sua predicazione, quando si sentì invitato da Gesù a prendere il largo per una nuova battuta di pesca? La vita di fede è così. Durante il cammino si raggiungono dei climax nei quali si è invitati a entrare per una strada assurda, illogica. Ma se non fosse così, come si avvererebbe quella parola del profeta Isaia, per bocca del quale Dio ci dice: le mie vie non sono le vostre vie, i miei pensieri non sono i vostri pensieri? (Is 55,8) Se Pietro avesse fatto parlare il ruvido e sicuro pescatore che era, a quell’invito avrebbe risposto “mandando a quel paese” il profeta di Nazareth: “vuoi forse dare lezioni di pesca a me? Tra gli iniziati, si pesca di notte, non di giorno! E poi abbiamo appena smesso di lavare le reti…”

Invece Pietro, senza nascondere la frustrazione di una notte sterile di pesca, si fida della parola di quello strano profeta (Lc 5,5). Dicci Pietro, che cosa ti ha spinto a fidarti davanti a tale richiesta? Hai forse cominciato ad accreditarlo dopo aver ascoltato la sua predicazione? O la tua piccola società di pesca stava fallendo e hai tentato il tutto per tutto? Oppure avevi sentito anche tu, come tutti i galilei, che questo profeta compiva prodigi che confermavano la sua parola? Ma sulla tua parola. L’unica cosa certa è che aver rilanciato le reti in mare aperto a causa della parola di Gesù ha fatto esplodere una pesca senza precedenti (Lc 5,6-7). Pietro l’ha vista con i suoi occhi, l’ha toccata con le sue mani. Chi obbedisce alla parola di Gesù entra nel mondo dell’impossibile che diventa improvvisamente possibile. Ma c’è di più, molto di più.

Al vedere questo (Lc 5,8a). Gesù non è un parolaio che vende sogni da quattro soldi. Davanti a quella pesca, Pietro avverte di essere alla presenza di qualcuno che vive in un’altra dimensione. Perciò si butta alle sue ginocchia e gli chiede di allontanarsi da lui. Sempre, quando si vive un’autentica esperienza di Dio, l’uomo avverte subito la distanza incolmabile tra sé stesso e Lui, tra il proprio essere peccatore e la grandezza di Dio. Ed è proprio lo stupore generato dal segno miracoloso a immetterlo in questo stato d’animo (Lc 5,9). Gesù ha qualcosa di più grande dell’ingente quantità di pesce da donare a Pietro: non temere, d’ora in poi sarai pescatore di uomini (Lc 5,10). Il luogo del nostro peccato, il luogo dove ci si accorge di essere infinitamente lontani da Dio, il luogo dove ci si vede perduti e ci si sente indegni, è il luogo dove siamo raggiunti dal suo amore che ci chiama e ci unisce alla sua stessa missione: salvare gli uomini dagli abissi della morte. Un “onoramore” (perdonate il neologismo) ancora oggi per me incomprensibile, anche se, come dico sempre a tutti, io sono solo una canna da pesca di Gesù, e per giunta pure difettosa.

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

QUINTA SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 10 Febbraio 2019 anche qui.

Lc 5,1-11 Lasciarono tutto e lo seguirono.

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.

Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare. Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

C: Parola del Signore. A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: La Sacra Bibbia

ALTRI COMMENTI

VEDI ANCHE

Commento al Vangelo del 24 Febbraio 2019 – Azione Cattolica

C’è un elemento comune a tutte le indicazioni e gli orientamenti di vita di Gesù …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.