Vangelo del giorno – 15 Novembre 2018 – don Lucio D’Abbraccio

69

Il regno di Dio è in mezzo a voi!

«I farisei domandarono a Gesù: “Quando verrà il regno di Dio?”». Tutti, come i farisei, abbiamo bisogno della risposta di questa domanda. Questo perché il futuro incerto ci destabilizza, ci fa vivere con ansia il presente.

Eppure la risposta di Gesù: – «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!» – ci fa presagire che il regno è già presente, in una certa misura; la difficoltà sta nel riconoscerlo.

I farisei, come anche gli apostoli, hanno un’aspettativa rispetto al regno, e ciò crea difficoltà nel riconoscerlo. Quando ci stiamo preparando a fare un’esperienza, in genere creiamo delle attese che spesso, se deluse, ci rendono perplessi riguardo a ciò che abbiamo sperimentato, non facendoci gustare l’esperienza fino in fondo. Lo stesso vale per il regno: le tante aspettative che abbiamo costruito ci limitano nel saperlo riconoscere.

Se il regno è anzitutto la persona di Gesù, e su di lui abbiamo determinate attese, il rischio grande che corriamo è di non riconoscerlo presente ed operante nella nostra vita, perché non rispetta i nostri canoni. Siamo chiamati allora a purificare il nostro pensiero per riconoscere Gesù come colui che, silenziosamente, arriva per mostrarci quell’amore che lo ha condotto sino al dono di sé sulla croce.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 17, 20-25
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 18 Novembre 2018 – Fraternità Gesù Risorto
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 15 Novembre 2018