Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 31 Luglio 2020

124

Pagina di grande attualità: la profezia non è mai accolta da coloro che conoscono il profeta, da chi abita intorno alla profezia… la profezia è riconosciuta sempre da lontano e molto dopo e  mai da chi non è familiare alla profezia, cioè dalle persone che hanno una vista corta e una mentalità  ristretta.

Per accogliere un profeta, per riconoscere un profeta, bisogna avere un cuore grande e una mente molto aperta soprattutto alle alle sorprese di Dio,  al modo di intervenire di Dio nella storia, alla sua Provvidenza.

Perché il profeta è sempre un uomo scelto da Dio, è mandato da Dio. Il profeta è per sé stesso una sorpresa di Dio per l’umanità. Solo chi ha occhi capaci di aprirsi alle meraviglie di Dio può riconoscere i profeti di tutti i tempi. Oggi chiedo al Signore la grazia di riconoscere chi sono i profeti che ha mandato nella mia vita.

Chi è il Profeta che magari mi ha indicato cammini di Santità diversi da quelli che io stavo percorrendo… ed io non l’ho riconosciuto.  Chiedo al Signore: ma sarò anche io un suo profeta per il mondo di oggi? Il profeta è un “diverso” scelto da Dio. Per questo è insostituibile.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade