Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021

27
Chi non conosce la Scrittura non conosce neanche la potenza di Dio che è racchiusa in essa: è proprio la Parola di Dio che ha il potere di farci risorgere già in questa vita. La resurrezione non è qualcosa che verrà in futuro ma è una realtà presente, dalla resurrezione di Gesù è presente ogni giorno nella Parola che prende carne dentro di noi e ci fa passare dalla morte alla vita.
Chi non crede alla resurrezione futura non vive la resurrezione quotidiana perché evidentemente non conosce la Parola di Dio e la sua potenza. Non credere nella Resurrezione significa vanificare la propria fede. Ci sono molti tra noi che pur essendo battezzati e in certo modo professando la loro fede, non credono tuttavia nella resurrezione: è una delle eresie del nostro tempo!
Gesù ci dice che chi non crede nella Resurrezione è in grande errore. Pensiamo alla resurrezione quotidiana: è quella che ci aprirà le porte di quella futura. Se non risorgiamo ogni giorno non avremo una Resurrezione finale, la nostra vita perde ogni senso.
Oggi rifletto sulle mie resurrezioni, quelle che la potenza della Parola ha operato e ringrazio Dio. Se non ci sono state…
Devo decidermi ad accogliere la Parola che è Gesù. Ogni giorno, con tenacia e amore. Ne vale la pena, morire per risorgere, già ora nel grigiore dei nostri giorni.

A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 2 Giugno 2021
Articolo successivodon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021