p. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 30 Gennaio 2021

66

È difficile essere costanti nel bene e continuare nel bene, ma è giusto, quando si è intrapresa una strada, continuare a perseguirla. Parliamo della virtù della fortezza che è la virtù che nelle difficoltà assicura la costanza nella ricerca del bene.

Naturalmente parlare di fortezza significa parlare anche di paura e di coraggio, come i discepoli e Gesù nel vangelo di oggi.

Potremmo chiederci: chi non soffre, nel compiere il bene? chi non è tentato di respingere certe situazioni? chi non soffre di disgusto di fronte a certe incomprensioni? La fortezza è necessaria per resistere alle minacce del male impersonato nel mare, dove si debbono superare paure di perdere la propria vita e di perdere senso nella propria esistenza, dove si deve affrontare la noia, il tedio, il disgusto dell’esistenza quotidiana, per riuscire a mettere in atto il bene.

Noi saremo coraggiosi nella misura in cui ci riconosceremo fragili corporalmente e vulnerabili psicologicamente. Dentro di noi abbiamo un fondo di timore, di paura, un senso di disagio e di difficoltà, per quanto ci sforziamo di nasconderlo. Se non ci sapessimo vulnerabili, non riusciremmo mai ad essere coraggiosi, a crescere nella fortezza: saremmo spavaldi. Avremmo bisogno sempre del tiranno di turno che costruisce muri e riarma un esercito super armato; avremmo bisogno del tiranno di turno che va in giro per il mondo a fare guerre per accrescere il suo prestigio nazionale e fa approvare leggi dove la violenza domestica è opera educativa che rinsalda la famiglia.

Il primo gradino del coraggio cristiano non è quello di sapere stringere i denti, ma quello di prendere umilmente consapevolezza della propria debolezza, senza paraventi di uomini forti di sorta. È prendere coscienza che il mare in tempesta non riusciamo proprio a superarlo con le nostre sole forze.

Noi ci imbattiamo, presto o tardi, nella madre di tutte le paure: la paura della morte. Questa paura si manifesta come ripugnanza per le umiliazioni, come paura delle accuse, delle calunnie, della carcerazione, della solitudine, degli abbandoni. Essere forti cristianamente significa non turbarci nelle avversità e nemmeno di fronte alla morte. È entrare, un po’ alla volta, nell’aderire sempre più a Cristo (non avete ancora fede?) e rinunziare sempre più al male. Dare la vita per la fede diventa un dono che colma l’animo di pace proprio là dove la paura rischierebbe di smarrirci.

È una grazia che siamo chiamati ad implorare ogni giorno quando nel Padre nostro chiediamo “Non ci abbandonare alla tentazione, ma liberaci dal male”. Liberaci dal mare di ignoranza e di male che ci circonda e che ci fa perdere di vista il bene e quello per cui ci siamo messi in cammino.

La fortezza come riconoscimento della propria limitatezza diventa capacità di abbandonarsi a Dio, di dormire a poppa mentre il mare è in tempesta.

La forza cristiana si esprime dunque al meglio non nell’aggressività o nell’attaccare, bensì nel resistere. È infatti nel resistere alla tristezza del male che ritroviamo la fortezza e siamo detti forti. Resistenza quindi alla tristezza, al tedio, all’accidia che ostacolano il compimento del bene.

È essere costanti nel fare il bene malgrado tristezze, fatiche fisiche, psicologiche, malinconie, forse nostalgie di situazioni diverse. Resistenza per rimanere nel bene senza alcun bisogno di riconoscimento.

Siamo chiamati a resistere nel bene sia quando ci sono nemici interni, quali appunto la fatica e la frustrazione, sia quando i nemici vengono dall’esterno: incomprensioni, maldicenze, strumentalizzazioni, calunnie. Siamo chiamati a resistere nella pace.

Questa virtù è necessaria soprattutto in una società come la nostra che è spesso molle, flaccida e paurosa, che si spaventa di fronte alla prima difficoltà. È virtù di tutti i giorni perché non c’è bontà senza fortezza, non c’è giustizia senza questa capacità di resistere al logorio quotidiano.

Il vangelo di quest’oggi ci invita innanzitutto a liberarci dal crederci forti, mettendoci invece in gioco così come siamo nelle difficoltà.

Riuscire a ringraziare Dio perché le cose che accadono hanno senso, è molto importante. Diciamo: Ti ringrazio, mio Dio, perché le cose non vanno a modo mio!

Questo è un aiuto a cercare il senso delle difficoltà e degli intoppi. Non è dunque un invito a lasciare perdere o a affrontare le cose con passività, ma è un invito ad affrontarle con sapienza. Bando agli isterismi e al panico! Cerchiamo invece di comprendere quanto accade, che significato ha per la nostra esistenza tutto questo e quale è la strada che mi viene indicata dalla vita e dal Signore della Vita.

Senza fortezza non si fa il bene fino in fondo; non fare il bene fino in fondo significa divenire sempre più dei frustrati e degli scontenti.

Chiediamo a Dio il dono della fortezza, anziché lasciarci vincere dallo scoraggiamento, dalla paura, dalla scontentezza, dalle divisioni interne o dall’illusione di essere forti logorando inutilmente il nostro fisico e la nostra psiche.


AUTORE: p. Giovanni Nicoli FONTE SITO WEB CANALE YOUTUBE FACEBOOKINSTAGRAM

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 30 Gennaio 2021
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 30 Gennaio 2021