p. Gaetano Piccolo S.I. – Commento al Vangelo di martedì 1 Dicembre 2020

108

Lode

Alcune persone passano tutta la vita o gran parte di essa a lamentarsi. Il loro sguardo è puntato su quello che non va o non funziona. Il lamento avvelena la vita e induce a vedere gli altri come nemici o avversari.

Il lamento si concentra sul peso del passato o sulle difficoltà del presente, impedendo di alzare lo sguardo per guardare un po’ più lontano. Il lamento non contempla promesse e speranze. Al contrario, vivere la vita come una lode vuol dire credere alla possibilità del futuro, vuol dire che nella vita c’è spazio per la gratuità e il dono.

Per questo, le persone che sanno lodare sono le persone semplici, non perché ingenue o ignoranti, ma perchè si sentono piccole, sentono che la vita non è una pretesa arrogante da rivendicare. Sono le persone che si sanno meravigliare, senza lasciarsi intrappolare dai pensieri che generano sospetti e rivalità.

UN IMPEGNO

Durante la giornata prova a guardare con attenzione se c’è qualcosa per cui potresti rendere lode a Dio.

P. Gaetano Piccolo S.I.
Compagnia di Gesù (Societas Iesu)Fonte


Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 1 Dicembre 2020
Articolo successivoGiuliva Di Berardino – Commento al Vangelo di martedì 1 Dicembre 2020