la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022

68

- Pubblicità -

La gioia viene dalla scoperta che l’amore vissuto non può essere cancellato. Ogni opera di amore rimane. Per questo i discepoli di Emmaus tornano tristi, perché non avevano ancora capito che Gesù li aveva amati pienamente e questo amore non poteva rimanere sepolto nella tomba.

Era l’amore stesso di Dio, che essi poi riconoscono mentre Gesù spiega loro le scritture e mentre spezza il pane: “Non ardeva forse in noi il nostro cuore?”. L’amore non può morire, perché amare è vivere. Nel Cantico dei Cantici leggiamo che “forte come la morte è l’amore”.

Se l’amore nella tua vita sta fallendo, non condannarti o condannare ma cammina insieme – accompagna, come fa Gesù.

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 20 Aprile 2022