Il Vangelo del giorno, 3 Giugno 2018 – Mc 14,12-16.22-26

429

Il commento al Vengelo del
3 Giugno 2018 su Mc 14,12-16.22-26

Nona settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B

  • Colore liturgico: Bianco
  • Periodo: Domenica
  • Il Santo di oggi: CORPO E SANGUE DI CRISTO
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore
  • Letture del giorno: Es 24,3-8; Sal 115; Eb 9,11-15; Mc 14,12-16.22-26
  • Calendario Liturgico di Giugno
Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

[powerpress]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mc 14, 12-16. 22-26
Dal Vangelo secondo Marco

Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?».
Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”. Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala, arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi».
I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua.
Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio».
Dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli Ulivi.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo a cura dei Monaci Benedettini

“Questo è il mio corpo, dato per voi”.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Oggi ci viene ricordato che la suprema manifestazione del ‘sacro’ avviene attraverso segni umili e semplici, il pane e il vino, frutto della terra e del lavoro dell’uomo. Così l’Eucaristia stimola anche noi ad assumere la logica di Dio, quella di trasformare le nostre piccole cose in ‘sacri segni’.

Nell’ispirazione dell’evangelista Marco la celebrazione dell’ultima cena di Gesù specificatamente entra nella grande festa della Pasqua. “Il primo giorno degli Azzimi, quando si immolava la Pasqua”, i discepoli chiedono al Maestro dove dovevano prepararla. Nella descrizione poi della cena, l’evangelista nota solo i gesti e le parole di Gesù, che sono basilari del nuovo memoriale, che sarà celebrato in sua memoria. Gesù, nell’intimità del cenacolo in mezzo ai suoi, e prima della sua passione, attua quello che annuncia: “Questo è il mio sangue, il sangue dell’alleanza versato per molti”.

Nella ritualità di questa particolare cena, la gioia, che di solito seguiva al patto stipulato, al momento viene procrastinata, perché Gesù, entrando nella sua funzione di vittima e di sacerdote, descrive e interpreta tutto la sua passione e la sua morte in croce. Sicuramente saranno state parole sconcertanti, che devono aver sorpreso gli apostoli. Naturalmente erano parole profetiche, che offrivano il significato di ciò che stava per compiersi. Quel vino sarà veramente il suo sangue della nuova ed eterna Alleanza, sangue versato dalla croce per ogni uomo.

Dentro il dramma della passione e della morte, infatti c’è un mistero di amore, che Dio, attraverso la contemplazione della croce, pone allo sguardo dell’umanità. La celebrazione del “Corpus Domini” è proprio questo: il dono di sé, che Gesù fa ai suoi discepoli di ieri, di oggi e di sempre. Ci garantisce, nel pane e nel vino consacrati, la sua presenza sacramentale. Senza questo punto di appoggio, tutto diventa prima o poi un non senso.

Aver fede nell’Eucaristia significa credere in Dio, che ha stretto un patto con ogni uomo in cammino nel deserto della vita.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 3 Giugno 2018 – P. Marko Ivan Rupnik – Congregazione per il Clero
Articolo successivoCommento alle letture del 3 Giugno 2018 – Mons. Costantino Di Bruno