Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 30 Marzo 2022

74

- Pubblicità -

Le parole più usate in questa pagina di Vangelo sono due: Padre e Figlio.
Sono due parole che dicono di due persone, ma che dicono soprattutto di una relazione significante, che dà senso a tutto.
È nella relazione Padre-Figlio infatti che si manifesta l’Amore che qualifica il nostro essere.
È in virtù di questo Amore che noi ci diciamo Cristiani, cioè di Cristo.

Essere di Cristo significa riconoscersi pienamente figli, amati sempre, comunque e gratis, figli che hanno fiducia assoluta nel Padre e che desiderano solo fare la Sua volontà, soprattutto quando questo implica una gran fatica.

Gesù si è incarnato per rendere concreta questa relazione e perché noi imparassimo a vivere da Figli, a Sua immagine e somiglianza, nella certezza che Dio non si scorda mai dei suoi figli ed a loro ha riservato il Paradiso.

Ti senti figlio amato? A che punto è la tua relazione con il Padre? Sai vivere nella Sua volontà, consapevole che Lui non si dimentica mai di te?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 30 Marzo 2022
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 30 Marzo 2022