fra Marin Berišić – Commento al Vangelo del 12 Febbraio 2020

406

“Ascoltatemi tutti e comprendete bene!” Gesù oggi non ci chiede solo di ascoltarlo, ma anche di comprenderlo. Perché non è scontato che una persona ha capito solo perché ha ascoltato. Il vero ascolto della sua parola è fare la volontà del Padre, è mettere in pratica, viverla nella propria vita. E cosa ci dice oggi di mettere in pratica?

“Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro.” Vediamo bene, ascoltiamo bene che non c’è nulla fuori dell’uomo, proprio nulla che lo può rendere impuro. Ma a noi capita spesso di lamentarci con ciò che c’è fuori, con la realtà esterna. Tutto deve cambiare tranne il nostro cuore, tutto e tutti devono andare secondo i nostri ragionamenti.

Questo vediamo nella vita quando ci succedono dei “no”, nei momenti di tempesta, nei momenti di limite. Là si vede ciò che abbiamo nell’cuore. In questi momenti si vede se abbiamo un cuore semplice che sa riconoscere la presenza di Dio in questi momenti, se abbiamo un cuore che si lascia amare, un cuore che sa ringraziare, un cuore che sa condividere. Si vede se abbiamo un cuore duro, cioè non è che le sofferenze ci rendono cattivi, ma il non riconoscere la presenza di Dio in questi momenti nel nostro cuore.

È più facile puntare il dito che prendere sul serio la propria libertà. “Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.”

Oggi chiediamo la grazia al Signore e al cuore Immacolato di Maria di rendere pulito il nostro cuore, di sanarlo, di cambiarlo da un cuore di pietra a un cuore di carne, di dargli la vita, di dargli la purezza per poter vedere Dio.

Fra Marin Berišić


Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 7, 14-23   In quel tempo, Gesù, chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». Quando entrò in una casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogavano sulla parabola. E disse loro: «Così neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che entra nell’uomo dal di fuori non può renderlo impuro, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va nella fogna?». Così rendeva puri tutti gli alimenti.  E diceva: «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».   Parola del Signore