Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 26 Aprile 2021

186

L’immagine usata da Gesù per descrivere Se stesso – la Porta – è un simbolo di libertà. Possiamo aprire o chiudere una porta quando vogliamo, a meno che qualcun altro non l’abbia chiusa con una chiave che non ci è stata lasciata a disposizione. Purtroppo quello che accade spesso nelle nostre comunità e nelle nostre relazioni, è proprio trovare una porta chiusa.

Quante volte abbiamo detto o sentito dire frasi del tipo:”Chi se ne va dalla mia vita non ci torna più”? E quante altre abbiamo sperimentato una certa, diciamo, inimicizia da parte di qualcuno o di una realtà ecclesiale solo per l’esserci allontanati? Seguire Cristo significa avere il desiderio di essere come Lui – a prescindere dal riuscirci o meno – e il Signore non chiude mai la porta, ma accoglie sempre, con una pazienza e una Misericordia infinite.

Signore, donaci di saper accogliere come fai Tu: senza calcoli, senza mettere al centro le mancanze ma la persona, chiamandola non con il suo peccato ma per nome, come Tu fai con ciascuno di noi.


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedentedon Cristiano Mauri – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2021
Articolo successivoGv 15, 1-8