don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 19 Marzo 2020

9

“Giuseppe, non temere”

Giuseppe si trova ad affrontare una situazione che non si sarebbe mai aspettato di vivere. Certamente non poteva prevedere di avere un figlio prima del tempo, soprattutto in quel modo, e, inoltre, proprio da Maria. Le ragioni che poterono spingere S. Giuseppe a non accettare più quel matrimonio forse erano tante e molto diverse tra loro, ma l’angelo ne sottolinea una: la paura. È la paura che più di ogni altra motivazione rischia di impedire di affrontare le situazioni che il Signore pone davanti.

Prima che fare i conti con la “società”, con l’idea che si sarebbe fatta la gente di lui e della sua relazione con Maria, la sfida più grande che S. Giuseppe ha dovuto affrontare è stata quella con se stesso, con le sue paure. Forse anche tu puoi avere tanti motivi per provare paura e non sempre puoi trovare una soluzione razionale e tranquillizzante per allontanarla. È quello che Dio ti sta chiedendo di affrontare adesso. Non ci sono tante altre motivazioni. Ma c’è una cosa di cui non puoi fare a meno: sapere che ora più che mai devi fidarti di Lui, e lasciare che sia Lui a guidarti tra gli eventi della vita.

In breve

È la tua paura che ti rende nemico il futuro, proprio quel futuro che Dio ha in riserbo per te. Fidati di più di Dio per dominare la tua paura.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 19 Marzo 2020 (Mt 1, 16.18-21.24) – mons. Francesco Alfano
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 22 Marzo 2020 – Comunità di Pulsano