don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 17 Gennaio 2021

65

“Dove dimori?”

Per conoscere meglio una persona non puoi far a meno di conoscere la sua casa, il luogo dove dimora. È lì che osservi come gestisce i suoi spazi, le sue abitudini. Invece quando ci si sente a casa di qualcuno vuol dire che si è a proprio agio, si può esprimere la propria personalità con disinvoltura, senza badare alle formalità. Gesù invita i discepoli a seguirlo per entrare nella sua casa e realizzare proprio questo scambio. Da un lato farsi conoscere, dall’altro dare a loro la possibilità di superare il disagio e le formalità del primo incontro per creare una relazione più profonda. La dinamica della sequela di Gesù è proprio questa. Mentre il discepolo pian piano, lungo il cammino, rivela sempre di più se stesso, il desiderio di seguirLo, e le sue lentezze; Gesù si fa conoscere sempre di più.

Essere discepoli di Gesù non vuol dire essere esecutori perfetti dei suoi insegnamenti, ma perseverare nell’ascoltarlo e nel compiere quel che insegna senza vergognarsi di manifestare le proprie incomprensioni, la propria durezza di cuore. Seguire Gesù è come un continuo invito ad entrare nella sua casa: per conoscerlo sempre più e per imparare ad essere sempre meno estranei al senso della sua Parola, divenire suoi familiari.

In breve

Quando qualcuno ti apre la sua casa impari a conoscerlo meglio e ti fai conoscere meglio. Questo fa il discepolo. Conosce meglio Gesù, impara a diventare familiare alle Sue Parole e ai Suoi insegnamenti, senza vergognarsi delle sue lentezze.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto: La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS
e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 17 Gennaio 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 17 Gennaio 2021