don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 5 Agosto 2021

110
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Il cuore non mente mai!

Dio parla sempre attraverso una relazione personale nella quale Egli si fa conoscere. Non di rado siamo come la gente che esprime la sua idea su Gesù senza conoscerlo, ma per sentito dire. Capita anche che l’opinione che ci facciamo di una persona e la conoscenza che crediamo di avere di lei non si basi tanto su una qualche esperienza diretta ma sul giudizio che altri hanno espresso o sull’impressione avvertita a pelle. Dio non lo puoi conoscere se non lo incontri faccia a faccia, se non ti lasci coinvolgere in una relazione che non può prescindere dal contatto fisico, dal dialogo a tutto tondo.

Solo quando permetto a chi ho di fronte d’interpellarmi profondamente e di interrogare il mio cuore, con tutti i pensieri e le emozioni che quel contatto suscita, posso esprimermi secondo verità. Il cuore non mente mai! Pietro parla a Gesù col cuore anche se non sa fino in fondo cosa sta dicendo perché la verità supera la mente e la sua capacità di comprendere. L’apostolo, come ogni uomo, rimarrà sempre incapace di contenere e possedere la verità dell’amore di Dio. Proprio per questo gli viene affidato il potere non di conoscere tutto ma di far conoscere a tutti l’amore di Dio. La parola di Gesù è la chiave di accesso al mistero insondabile della croce, scaturigine sempre attiva della misericordia.

Annunciando la sua Pasqua, che avrebbe celebrato vivendo la sofferenza e attraversando la morte per giungere alla risurrezione, Gesù offre ai discepoli la chiave per comprendere il senso profondo degli eventi, la sua vera identità e la sua missione. Pietro non vuol sentir parlare di dolore, umiliazioni e morte e si rifiuta di accettare quella realtà, così drammatica e priva di fascino, nella quale stenta a vedere la volontà di Dio. Quando Pietro parla con il cuore non sbaglia perché il suo pensiero è ispirato da Dio mentre quando è accecato dalla paura egli ragiona di pancia e reagisce in maniera scomposta. Come in Pietro anche in ciascuno di noi convive la luce della sapienza di Dio ma anche le tenebre dei ragionamenti contorti di Satana.

I pensieri giudicanti fanno da schermo alla Parola di Dio che non può fecondare il nostro cuore e neanche quello dei nostri fratelli ai quali, invece di porgere la luce della verità per farlo conoscere, offriamo loro una contro testimonianza che ostacola l’incontro con Lui e l’esperienza sanante del suo amore. Le parole di Gesù a Pietro sono dure come la pietra per far comprendere che il modo di pensare del demonio ci fa inciampare nel cammino della santità, ci atterrisce e ci impedisce di rialzarci. Pur nella severità del rimprovero Gesù richiama Pietro, cioè lo chiama nuovamente a seguirlo. Infatti, quello di Gesù non è un giudizio che inchioda ma un appello forte a non lasciarci dominare dal peccato ma di dominarlo con la forza della sapienza della croce, la logica dell’amore.

Signore Gesù, come Simon Pietro professo la mia fede in Te che sei Cristo e Figlio di Dio. Prendimi per mano perché possa conoscerti sempre di più, sceglierti come amico, innamorarmi del Padre e, amandovi con lo stesso Amore con cui mi amate, amare i miei fratelli. Aiutami a confessare la mia fede non solo con le parole ma soprattutto con la vita in modo che da essa traspaia la luce della speranza, guida sicura per gli smarriti di cuore. La tua Parola fecondi il mio cuore perché sia aperto ad ascoltare la voce dello Spirito e a dargli risonanza attraverso scelte concrete ispirate dal tuo esempio di uomo tutto consacrato a Dio per il bene degli uomini. 

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 5 Agosto 2021
Articolo successivodon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 5 Agosto 2021