don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022

348

- Pubblicità -

C’è una cosa che è più difficile dell’amore? È l’amore ai nemici. Gesù lo chiede esplicitamente nel Vangelo di oggi disarmando tutti quei cristiani che credono di rendere culto a Dio impugnando armi di ogni genere. A volte sono le pietre delle parole usate male, a volte solo le armi delle lobby, a volte sono le logiche di esclusione che ci sentiamo autorizzati ad attuare per amore di verità.

La verità è però che Gesù ci chiede di non scendere a patti con il male ma di amare il nemico. E amare è una faccenda seria che non può essere risolta con qualche parola sbiascicata nel chiuso delle nostre sagrestie verso un cielo di cui fondamentalmente non ci fidiamo. L’amore è sempre amore per la verità, ma è anche sempre amore per il volto di chi ho accanto pur se non la pensa come me. Io odio la parola tolleranza perché ha il sapore delle solitudini accostate che tendono a ignorarsi per quieto vivere. Non credo che il Vangelo ci inviti alla tolleranza ma anzi a una grande passione.

La passione per il dialogo. La passione per l’uomo. La passione per il bene che vince i nemici. La passione più grande che è morire per chi si ama. Il vero miracolo non è “dare la vita per i propri amici” ma scoprire gli amici seppelliti sotto la montagna di difetti e distanze di cui vediamo pieni i nostri nemici. “Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani?”.

Ma noi siamo chiamati ad essere come il Padre: “Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste”. Ma come si fa ad essere perfetti nell’amore proprio noi che siamo radicalmente imperfetti? La nostra è una chiama in tensione, cioè siamo chiamati a tendere alla perfezione, pur sperimentando le cadute, i fallimenti, i limiti, le imperfezioni. Finché avremo vita dobbiamo tendere la nostra umanità quando più possibile, esattamente come si tende la corda di un arco. Solo così le frecce vanno lontano. Solo così andremo anche noi lontano.

Molto più lontano di chi invece di tendere ha mollato scegliendo la via più semplice.

Commento del 2018.

NUOVO COMMENTO DALLA SUA PAGINA FACEBOOK

- Pubblicità -

In che cosa il mondo dovrebbe vederci diversi rispetto a tutti gli altri? Qual è la differenza cristiana che dovremmo portare? Costruire Chiese più grandi degli altri? Imporre la nostra influenza sugli altri? Coltivare un’ideale di grandezza come fa il mondo? I cristiani sanno bene che la loro patria non è qui e non ha senso concepirsi come una cosa in mezzo ad altre cose.

La differenza cristiana è data da quello che Gesù chiede proprio nella pagina del Vangelo di oggi: “Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? […] Continua a leggere il commento qui.

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2022
Articolo successivoMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022