don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 4 Marzo 2022

137

- Pubblicità -

Il digiuno. Quante volte sentiamo questa parola e l’avvertiamo come qualcosa di negativo, come un sacrificio duro…

Invece il digiuno ci accomuna molto più di quanto potremmo credere. Pensiamo ai neo innamorati che non danno peso al cibo, ma sono concentrati sull’amore che sta nascendo in loro e che gli dà forza. Pensiamo a chi vive il dolore o il lutto che deconcentra la propria attenzione dal bisogno fisico del cibo perché preso dall’amore per la vita o per la persona che non c’è più.

Ecco il digiuno che non è un sacrificio, ma un atto così spontaneo che non nasce dalla propria iniziativa, ma dall’amore per l’altro. 

Il digiuno per il Signore non è un atto voluto, ma nasce dalla necessità di voler stare con Lui, un gesto che non è vuoto e triste, ma la conseguenza di un cuore pieno di amore che manifesta (a suo modo) la gioia per la creatura di cui si è felici di avere (o aver avuto) accanto.

Il digiuno è mettere da parte se stessi perché sia l’altro riempici…

  • e tu, di cosa ti riempi?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE

- Pubblicità -


Articolo precedenteEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 4 Marzo 2022
Articolo successivodon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 4 Marzo 2022