don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2022

76

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Sabato 23 Aprile 2022 – ottava di Pasqua

Dopo le prime apparizioni il Risorto appare agli Undici, quelli di cui si era sempre fidato e ai quali aveva lasciato il compito di insegnare la sua Parola. Ma proprio loro, che sono stati tra l’altro i primi destinatari del suo messaggio, sono i primi a essere increduli.

Gesù li rimprovera perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. Anche noi oggi che tanto diciamo di credere e amare Gesù siamo i primi, che in fondo al nostro cuore, abbiamo qualche dubbio su questa risurrezione. Già è difficile credere a un uomo vissuto duemila anni fa e che ora diciamo essere sempre presente ma non lo vediamo, per giunta ci viene chiesto di credere che sia morto e pure risorto! Sembra troppo assurdo.

Eppure Gesù non è venuto per convincere, ma per verificare e confermare la nostra fede, cioè il nostro atto di fiducia in lui…

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2022
Articolo successivoSr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 24 Aprile 2022 per bambini/ragazzi