Commento al Vengelo del 21 Luglio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

49

Un’altra parte cadde sulla terra buona e diede frutto.

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 13, 1-9

Con la parabola del buon seminatore, Gesù si paragona a colui che semina il seme fecondo della Parola di Dio. Abbiamo l’immagine del seminatore che sparge con gesti ampi i suoi semi dappertutto; egli raccoglie i semi dalla sua bisaccia a piene mani e li distribuisce poi sul terreno, attento ad averne una distribuzione regolare ed uniforme.

Il seminatore non si interessa a evitare le strade, i sassi o i terreni non fecondi. Il seme è sempre distribuito su tutta la sua proprietà. E’ l’immagine della Chiesa nella quale è annunciata la Parola di Dio. In essa vi è il terreno buono e fecondo dove essa produce dei frutti durevoli, vincendo le tentazioni del mondo e perseverando nelle difficoltà.

Gesù ama usare delle immagini raccolte dall’esperienza di vita del popolo ebraico per offrire un messaggio comprensibile a chiunque.

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 21 Luglio 2021 – Mt 13, 1-9
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 21 Luglio 2021