Prostrati, i santi magi adorano il Bambino,
offron doni d’Oriente: oro, incenso e mirra.

O simboli profetici di segreta grandezza,
che svelano alle genti una triplice gioia!

Oro e incenso proclamano il Re e Dio immortale;
la mirra annunzia l’Uomo deposto dalla croce.

Betlemme, tu sei grande fra le città di Giuda:
in te è apparso al mondo il Cristo Salvatore.

Nelle sue mani il Padre pose il giudizio e il regno:
lo attestano concordi le voci dei profeti.

Non conosce confini nello spazio e nel tempo
il suo regno d’amore, di giustizia e di pace.

A te sia lode, o Cristo, nato da Maria Vergine,
al Padre ed allo Spirito nei secoli dei secoli.

Amen.

Ufficio delle Letture nella Solennità dell’Epifania.

Articolo precedenteComunità di Pulsano – Commento al Vangelo di giovedì 6 Gennaio 2022
Articolo successivoMessaggio di Papa Francesco per la XXX Giornata Mondiale del Malato – 11 febbraio 2022