Missionari della Via – Commento alle letture di domenica 22 Ottobre 2023

274

Pace e bene, questa domenica riscopriamo di rendere anzitutto a Dio il suo, perchè se Dio è al centro e dunque al suo posto, ogni cosa vada al giusto posto…

Il Vangelo di questa domenica ci presenta degli erodiani e dei farisei  che vengono da Gesù e gli pongono una domanda cattiva, di quelle che  scatenano odi, che creano nemici: è lecito o no pagare le tasse a Roma?  Sono appunto partigiani di Erode, il re fantoccio di Roma; e i farisei, i  puri che sognano una teocrazia sotto la legge di Mosè. Non si  sopportano tra loro ma oggi si alleano contro un nemico comune: Gesù (cf p. Ermes Ronchi).

La trappola è ben congegnata: scegli, o con noi o  contro di noi! Pagare o no le tasse all’impero? Essi pongono una domanda a Gesù posta con una subdola introduzione: «Maestro,  sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non  hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno» Questi  gli “lavano la faccia”, lo adulano, cercano di farselo amico per poi  coglierlo in fallo. Come a dire: quando le persone ci adulano troppo, occorre fare attenzione!  

- Pubblicità -

Dopo la loro ipocrita adulazione si rivolgono a Gesù con un imperativo  che non ammette discussioni: «Dì a noi: è lecito o no pagare il tributo a  Cesare?». «Gesù deve manifestare il suo pensiero sui romani. La  trappola è ben congegnata: qualunque risposta gli si ritorcerà contro.  Se Gesù dice di “sì”, cioè se è favorevole al pagamento delle tasse, sarà  accusato di infedeltà verso il Signore, l’unico che dev’essere servito (Dt  6,4-13). Se Gesù dice di “no”, cioè se non è favorevole al pagamento  delle tasse, si mette contro i romani. Avesse dunque detto sì o no,  avrebbe perso in ogni caso.

La soluzione si trova passando ad un livello  superiore. È quello che diceva Einstein: “Ogni soluzione di un problema  si trova ad un livello diverso del problema” e che dice Assagioli: “Ogni  problema ha sempre una soluzione, solo che è ad un livello più alto”. In  queste situazioni bisogna cambiare il livello della risposta» (d. Marco  Pedron). Ed è quello che fa Gesù. Innanzitutto, li apostrofa come  ipocriti. Ipocrita è colui che mostra una parte che non è il suo vero  giudizio, è colui che si mette una maschera per appare per quello che  non è. Quante volte anche noi siamo così! Quante volte i nostri  atteggiamenti sono ipocriti! 

E dopo ciò, dopo essersi fatto mostrare una moneta del tributo, «Gesù domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare  quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». 

- Pubblicità -

Gesù, con questa sua risposta, non mette Cesare contro Dio, lo Stato  contro le cose di Dio, ma fa una chiara distinzione. Gesù invita a leggere  di chi è questa moneta e soggiunge: «rendete questa moneta», non dice  «date». L’ha fatta Cesare, appartiene a lui, dunque ridatela a Cesare, c’è  il suo volto.

Oggi per Cesare intendiamo lo Stato. Date il suo allo Stato, pagate le tasse! Certo, a volte non sono eque e chi governa dovrà  rendere conto a Dio di ciò che fa; ma noi cristiani non dobbiamo uscire  dal mondo o stare per conto nostro, dobbiamo fare la cosa più difficile: essere nel mondo senza essere del mondo! San Giovanni Bosco, nei suoi  oratori intendeva formare “buoni cristiani e onesti cittadini”. Le due cose  viaggiano insieme, se c’è cortocircuiti, significa che qualcosa non va… 

E poi Gesù aggiunge di dare a Dio quel che è di Dio. Qui si parla di cosa  è di Dio. Cosa va dato a Dio? La sua proprietà, l’immagine di Dio che  Egli ha impresso a noi! Noi siamo proprietà di Dio! Dunque «il  riferimento all’immagine di Cesare, incisa nella moneta, dice che è  giusto sentirsi a pieno titolo – con diritti e doveri – cittadini dello Stato;  ma simbolicamente fa pensare all’altra immagine che è impressa in ogni  uomo: l’immagine di Dio. Egli è il Signore di tutto, e noi, che siamo stati  creati “a sua immagine” apparteniamo anzitutto a Lui.

Gesù ricava, dalla  domanda postagli dai farisei, un interrogativo più radicale e vitale per  ognuno di noi, un interrogativo che noi possiamo farci: a chi  appartengo io? Alla famiglia, alla città, agli amici, alla scuola, al lavoro,  alla politica, allo Stato? Sì, certo. Ma prima di tutto – ci ricorda Gesù – tu appartieni a Dio. Questa è l’appartenenza fondamentale. È Lui che ti  ha dato tutto quello che sei e che hai. E dunque la nostra vita, giorno  per giorno, possiamo e dobbiamo viverla nel ri-conoscimento di questa  nostra appartenenza fondamentale e nella ri-conoscenza del cuore  verso il nostro Padre, che crea ognuno di noi singolarmente, irripetibile,  ma sempre secondo l’immagine del suo Figlio amato, Gesù. E’ un  mistero stupendo» (Papa Francesco). 

Icona

Mt 22, 15-21 – Missionari della Via 437 kb 24 downloads

Cosa significa per me rendere a Dio ciò che è di Dio? Questa parola come guida…

Sito web