La persona cresce solo se è in relazione

518

L’intervento del cardinale Scola all’Università Cattolica, in occasione della presentazione del Rapporto Cei sul cambiamento demografico.

Sulla società italiana incombe un problema che già da anni si sta consolidando: è il radicale cambiamento demografico in atto, con un forte calo delle nascite e un altrettanto ragguardevole prolungamento dell’età media della popolazione. Quindi più anziani e centenari e meno giovani. Anche il flusso degli immigrati si sta stabilizzando e rientra man mano nei valori demografici della popolazione italiana.

A fronte di questo problema – che ormai presenta rilievi di ordine economico e politico, oltre che di organizzazione sociale – il Comitato per il Progetto culturale della Cei ha pubblicato lo studio “Il cambiamento demografico“,edito da Laterza, che segue quello di due anni fa sull’educazione, e che è stato presentato ieri all’Università Cattolica di Milano da relatori di alto profilo: con l’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, il professor Lorenzo Ornaghi, rettore dell’ateneo, il cardinale Camillo Ruini, presidente del Comitato Cei, il professor Giancarlo Blangiardo, demografo dell’Università di Milano-Bicocca, la professoressa Eugenia Scabini, preside della facoltà di Sociologia della Cattolica, e il senatore Maurizio Sacconi, Ministro del Lavoro.