La Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 28 Giugno 2023

249

Vorrei evidenziare due dettagli che si traggono dal Vangelo di oggi. In primo luogo entrambi gli alberi producono frutto, quindi si danno da fare, sono operosi e sfruttano le loro capacità; ma non di tutti il frutto è buono. In secondo luogo mi sembra importante sottolineare che l’albero buono non viene riconosciuto in sé stesso, ma nei suoi frutti. L’albero è buono perché produce frutti buoni, se però smettesse di produrli, non sarebbe più buono.

Dobbiamo chiedere al Signore che, come con i discepoli di Emmaus, apra i nostri occhi e le nostre menti all’intelligenza delle Scritture, per poterlo riconoscere dove Lui veramente è.

I falsi profeti “vestono come pecore”, ma non penetrano davvero nel cuore!

✝️ Commento al brano del Vangelo di:  ✝ Mt 7,15-20

A cura di fra Simone dal suo canale Telegram (https://t.me/centoparole)

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno