La Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2023

271

Gesù potrebbe motivare “l’amore per i nemici” in tanti modi. Invece ci offre quest’unica ragione: “affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni”. Il motivo quindi è la gratuità di Dio, il suo amore, anche per i cattivi e per gli ingiusti.

Siccome il “figlio” è colui che si comporta come il proprio “padre”, se Dio fa così, anche noi, suoi figli, dobbiamo fare altrettanto.
Amare vuol dire volere il bene dell’altro. Ma l’accettazione rassegnata del suo male non aiuta a cambiare e guarire.

È solo attingendo all’esperienza dell’amore gratuito del Signore che si può affrontare una situazione così dolorosa.

✝️ Commento al brano del Vangelo di:  ✝ Mt 5,43-48

A cura di fra Simone dal suo canale Telegram (https://t.me/centoparole)

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno