Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2023

41

- Pubblicità -

In questo Vangelo si citano Satana, Beelzebùl e i demòni in discorsi più o meno arzigogolati. Ma ciò che colpisce di più è che c’è un peccato che non sarà perdonato in eterno: la bestemmia contro lo Spirito Santo.

Ma di cosa si tratta? Cosa intende Gesù? Ma, allora, che fine ha fatto la storia che Dio è misericordioso?

La bestemmia contro lo Spirito Santo non è un’imprecazione piuttosto ricercata, ma riguarda l’indurimento del nostro cuore. “La misericordia di Dio – si legge nel Catechismo – non conosce limiti, ma chi deliberatamente rifiuta di accoglierla attraverso il pentimento, respinge il perdono dei propri peccati e la salvezza offerta dallo Spirito Santo”. Questo è il peccato imperdonabile: perdere la speranza della salvezza o credere di non averne bisogno, pensare e agire convinti di non avere necessità del perdono, di Dio, degli uomini!

- Pubblicità -

Nella nostra vita sperimentiamo il limite, l’errore e spesso scarichiamo la nostra responsabilità sul diavolo… o su Dio. Chiediamo al Signore di essere capaci di chiedere il suo abbraccio misericordioso e di rimanerci dentro, il più possibile!

Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale!