don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 21 Ottobre 2023

165

“chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini”

Sentirsi riconosciuti è un’esperienza molto gratificante in cui qualcuno ci attribuisce un valore per qualcosa che abbiamo fatto, di cui siamo autori, o, ancora di più, ci riconosce un valore per quello che siamo. Essere riconosciuti è come uscire dall’anonimato e essere messi in luce, è una “nascita sociale”.

Quando non sei riconosciuto per quello che sei o che hai fatto è come se non fosse mai esistito. Riconoscere Gesù è apprezzare il valore della sua opera, ovvero la salvezza, la redenzione che ti ha offerto. Riconoscere Gesù è avere stima della sua parola, adorazione per la sua divinità. Gesù ha molto in considerazione il tipo di riconoscimento che gli attribuisci davanti agli altri ed è pronto a ricambiarlo allo stesso modo davanti a tutta la sua coorte celeste. 

- Pubblicità -

Che bello quando incontriamo uno sconosciuto e ci saluta con ammirazione perchè altri hanno parlato bene di noi. Se parli bene di Gesù quaggiù, ti basterà appena “mettere piede” nell’eternità di Dio, per essere riconosciuto e stimato da tutti. Gesù parlerà molto bene di te in tutto il suo Regno.

In breve

La vita eterna, è il dono che Gesù fa a chi è disposto a riconoscerlo davanti agli uomini.

Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube