“Don Matteo” 7

1144

don-matteo-7Le verdi colline dell’Umbria. Un casale immerso nella campagna. I vicoli in salita di una cittadina medioevale. Le vicende di uomini e donne alle prese con la vita, le passioni e le ambizioni, i sogni, le delusioni.
E ad un certo punto lo scenario cambia… E’ arrivato lui, l’eroe: non cavalca un purosangue, ma una bici, non ha un cappello da cow boy ma una tonaca e un basco in testa. Don Matteo è tornato. Stavolta non è neanche andato via: solo una pausa, un po’ di riposo prima di tornare ad occuparsi di gialli e soprattutto di anime.
Arrivati alla fine della sesta serie e dopo 120 puntate, sorge legittima la domanda:
Una nuova serie di don Matteo, e perché?
Perché non smette di incantare il pubblico con il suo mix unico di giallo e commedia, di leggerezza e drammaticità.
Perché “Don Matteo” è più di una serie, è una grande famiglia conosciuta e amata dalle famiglie italiane.

[powerpress]
Perché c’è bisogno di uno sguardo positivo sul mondo e sulle sue contraddizioni come quello che il nostro prete sa portare.
Ma soprattutto perché può essere una nuova occasione. Un’occasione per andare oltre, esplorando temi inediti e resi urgenti dalla cronaca.
Innanzitutto i giovani: don Matteo può darci una chiave per raccontare in maniera forte ma al tempo stesso positiva ed equilibrata, i problemi che riguardano gli adolescenti e il loro rapporto con i genitori.
In questa nuova serie, don Matteo se ne prende carico in prima persona, entrando nella scuola, come professore: un’occasione per mettere al centro la missione e il tema educativo, ma anche per “ringiovanire” la serie.
Attraverso il veicolo del format e del genere giallo, senza mai tradire il suo pubblico e la sua anima, la serie può allargare lo sguardo ai problemi di attualità più scottante (il bullismo, l’educazione, la maternità, il precariato, la giustizia, la violenza) mettendo a tema valori e contraddizioni che interessano in maniera più ampia tutta la società e il nostro modo di vivere.
Don Matteo 7 può essere anche un’occasione di introdurre nuovi personaggi nell’arena della serie e al tempo stesso di raccontare qualcosa in più su quelli già noti e che crediamo di conoscere perfettamente.
A partire da don Matteo, naturalmente… La nuova serie ci permetterà di conoscere qualcosa di più sul nostro protagonista, per metterlo sotto pressione e far emergere nuovi aspetti del suo carattere: il senso paterno, la fermezza, la determinazione ma anche la fallibilità.
C’è poi la sua famiglia, quella che vive con lui in canonica: Pippo e Natalina, come sempre inseparabili e litigiosi come cane e gatto… A creare ulteriore scompiglio si aggiungerà in questa serie un nuovo ospite: Agostino, 8 anni, trasferitosi in canonica in compagnia del suo inseparabile cane Billo, è un piccolo diavolo che tempesta tutti di domande, imita don Matteo ed è deciso ad andare alla ricerca della madre.
Ma don Matteo non sarebbe don Matteo senza i suoi alleati/antagonisti di sempre: i carabinieri.
La caserma di Gubbio, tra un’indagine e l’altra, è ormai regno indiscusso del maresciallo Cecchini e delle sue iniziative stravaganti per migliorare la vita del capitano Tommasi, sempre vessato dalla imprevedibile Amanda. Il maresciallo spera in ogni modo di trovargli una nuova fidanzata ma non immagina neanche lontanamente quello che sta per succedere sotto il suo naso…
Si tratta di Patrizia, sua figlia.
E’ cresciuta, è tornata dall’estero dove ha fatto l’Erasmus e all’inizio della serie si laurea: insomma non è più una bambina. E anche il Capitano se ne accorge. Tra i due scatta qualcosa, anche se entrambi si affrettano a negarlo, nascondendosi dietro un’affettuosa amicizia. A frapporsi tra loro, Amanda ma anche il maresciallo Cecchini: possibile che il Capitano si stia innamorando proprio della figlia del suo più stretto collaboratore? E come pensare che il maresciallo possa mai accettare una cosa del genere?
La nuova serie sarà anche l’occasione di una svolta decisiva per Cecchini: la promozione tanto sospirata finalmente arriva, ma entra in collisione con un errore che ha commesso e che lo porta a mettere in dubbio le sue capacità di carabiniere.
Altri gialli coinvolgeranno in prima persona i nostri protagonisti di serie: un amico di Tommasi reduce da una missione in un paese di guerra; l’exploit di Severino in un rave party; persino un salvataggio che vede protagonista ed “eroe per caso” Ghisoni.
Don Matteo 7 rimane fedele a se stesso ma si arricchisce di nuovi spunti e temi, continuando il viaggio di esplorazione dell’umano, tra drammi antichi e nuove problematiche della nostra società, illuminate sempre dallo sguardo irriducibile e positivo di un uomo che crede nella possibilità di cambiare.

Cast Artistico:

  • TERENCE HILL
  • NINO FRASSICA
  • SIMONE MONTEDORO
  • NATHALIE GUETTA’
  • ASTRA LANZ
  • CATERINA SYLOS LABINI
  • PAMELA SAINO
  • FRANCESCO SCALI
  • PIETRO PULCINI

Anno: 2009  Formato: Serie 24×50′ (12 prime serate tv)

Attenzione: TERENCE HILL al ROMAFICTIONFEST il 6 luglio 2009

Fonte: Lux Vide