don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2023

266

- Pubblicità -

Tante volte ci può passare per la mente un pensiero molto semplice: ma Gesù aveva chiaro quanto poteva essere complicato per i suoi discepoli vivere il Vangelo nelle logiche del mondo? Il Vangelo di oggi sembra rispondere esattamente a questa domanda perché l’evangelista Luca pone proprio queste parole sulla bocca di Gesù:

“Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi”.

Non c’è bisogno di molta fantasia per capire il clima che si può creare tra un agnello e un lupo. La sproporzione è così grande che fin dall’inizio possiamo immaginare come andrà a finire. Eppure Gesù sa anche bene che la forza di un discepolo non è in se stesso, ma in Lui che manda. Un agnello può permettersi di essere un agnello perché il pastore che ha alle spalle è più forte di ogni lupo che si può incontrare lungo la strada.

- Pubblicità -

La nostra tentazione è pensare che per poter vivere in un mondo di lupi dobbiamo diventare anche noi un po’ lupi. Ma un cristiano non deve mai cadere in questa trappola. Per vincere il male non bisogna comportarsi come il male. Questo atteggiamento porta dei risultati immediati, ma a lungo termine ci trasforma in ciò che odiamo. La vera differenza cristiana è nel non avere paura di assumere tutta la nostra debolezza, tutte le forme di bene possibile, sapendo che è questo ciò che il male non sopporta.

Ecco allora che apparentemente sembra che perdiamo, ma non ha fatto così Gesù? Ha risposto con il male a chi gli faceva del male? Ha usato la forza per difendersi? Gesù è stato l’agnello di Dio fino all’estreme conseguenze. Chi di noi ha la forza di vivere così? Probabilmente nessuno, ma è proprio qui che viene in nostro aiuto lo Spirito Santo. Infatti senza lo Spirito Santo nessuno di noi potrebbe vivere davvero il Vangelo.

Fonte

NUOVO COMMENTO DALLA PAGINA FACEBOOK

La condizione di una persona che vuole prendere davvero sul serio il Vangelo è questa descritta da Gesù nel Vangelo di oggi: “Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né bisaccia, né sandali e non salutate nessuno lungo la strada”. Chi vive in conseguenza a quello che gli insegna il Vangelo si trova a dover fronteggiare con la debolezza dell’agnello la forza da lupo che solitamente il mondo ha intorno a lui. Ma tutti sappiamo che gli agnelli fanno sempre un brutta fine quando hanno a che fare con dei lupi affamati. Eppure è proprio su questo dettaglio che Gesù chiede un atto di fede. Noi non siamo forti in noi stessi, ma noi siamo forti se confidiamo in Lui. […] Continua a leggere qui.

- Pubblicità -