don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2023

771

Gesù nel Vangelo di oggi paragona il regno dei cieli a una festa di nozze. Il cielo non è un dovere da compiere ma una gioia da godersi. E come tutti i matrimoni, questa gioia è preparata, attesa, programmata fin nell’ultimo dettaglio. A volte quando preparo la gente per il matrimonio, raccomando sempre di non esagerare troppo con l’ansia dei preparativi perché il voler dare il massimo si può trasformare anche in un godersi per nulla quella giornata.

Ma è encomiabile lo sforzo titanico che si fa affinché sia davvero un giorno speciale. Gesù paragona Dio a chi fin dall’eternità ha programmato il cielo affinché sia una gioia in ogni dettaglio per coloro che vi parteciperanno. Ma poi arriva il momento di aprire questa festa. Gesù è l’invito alle nozze che il Padre ci ha mandato, ma ascoltate come reagiamo noi a questo invito:

“Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero”.

- Pubblicità -

Mi sembra di sentire le scuse più diffuse tra la gente: “Padre non vengo a messa la domenica perché è l’unico giorno che non lavoro e mi voglio riposare”. Oppure “Padre il lavoro è importante”; “non posso perdere tempo, il Signore capirà”.

Rimane un piccolo dettaglio: Dio muore dalla voglia di incontrarci e noi preferiamo altro. Fosse anche una cosa lecita ma pur sempre altro. Preferiamo la pancia piena alla felicità. Preferiamo le nostre priorità a ciò che invece sono le vere priorità. Ma il vero cortocircuito sta fondamentalmente in due cose: pensare che la fede sia un dovere, e pensare che la fede sia un piacere.

La fede se fosse un dovere faremmo bene a sbarazzarcene, infatti ne abbiamo fin troppi di doveri. Essa invece è una scelta, non un dovere. È la scelta di chi si lascia amare, e comprende che non può esistere amore per forza. Allo stesso tempo la fede non è un piacere, cioè non è una cosa sentimentale.

- Pubblicità -

La fede è gioia, non emozione. E la gioia lungi dall’essere un’emozione, per noi cristiani è un fatto.

Fonte

NUOVO COMMENTO DALLA PAGINA FACEBOOK

Chissà se l’idea di pensare la vita come una festa troverebbe davvero tutti d’accordo. Ma è l’immagine che Gesù usa per spiegarci le intenzioni di Dio su ciascuno di noi nel Vangelo della XXVIII domenica del tempo ordinario. C’è un re che ama suo figlio e gli prepara una festa di nozze indimenticabile. C’è tanta gioia in questa casa e tanto desiderio di condividerla con gli altri. Gli invitati sono i destinatari di questa condivisione, ma a quanto pare la loro risposta non è la gratitudine ma bensì l’indifferenza: “Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero”. Non è difficile capire la metafora che Gesù usa per spiegarci Dio: in Lui c’è una gioia infinita, ma questa gioia non è prigioniera di un autosufficienza che fa dire a Dio “sono felice io e degli altri non mi interessa”. La sua gioia è una gioia relazionale non una gioia autoreferenziale. […] Continua a leggere qui.


Autore: don Luigi Maria Epicoco
Commento al brano del Vangelo di: ✝ Mt 22,1-14
PAGINA FACEBOOK