don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 14 Gennaio 2022

1632

AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva – ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€


Ancora una volta il vangelo ci viene in aiuto per definire in maniera semplice ed efficace che cosa sia la Chiesa.

Essa è lo stare insieme di quattro amici che con una ostinazione creativa trovano il modo di caricarsi di peso un malato e di portarlo da Gesù. La malattia, anche in questo caso, non è semplicemente un impedimento fisico. Quest’uomo in tutto l’episodio narrato non parla, non chiede, non prega, non fa la sua professione di fede.

- Pubblicità -

Eppure è lui il fulcro di tutta la narrazione. È il centro dell’attenzione degli amici. È il centro del gesto di perdono di Gesù. È il centro della disputa con chi pensa che Gesù non possa perdonare i peccati e per questo diventa il centro della guarigione fisica che lo fa tornare a casa con le sue gambe.

Se la Chiesa esiste, esiste per essere “sacramento visibile di salvezza”, che in termini semplici significa che se esiste serve fondamentalmente a salvare la vita delle persone. E può salvare la vita delle persone non perché ne sia capace in se stessa ma nella misura in cui riesce a condurre anche in maniera straordinariamente creativa le persone a Gesù: “Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dov’egli si trovava e, fatta un’apertura, calarono il lettuccio su cui giaceva il paralitico”.

Credo che questo sia il fondamento evangelico di ogni azione pastorale, anche la più originale o spericolata. Perché la pastorale non è opera di marketing, ma tentativo di far arrivare a chi ha bisogno l’esperienza della misericordia: “Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: «Figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati»”.

Che poi alcune esperienze di male e di sofferenza diventano anche somatiche non c’è bisogno che ci rivolgiamo al Vangelo per accorgercene. È quello che non comprendono i contestatori di Gesù: “Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati, ti ordino – disse al paralitico – alzati, prendi il tuo lettuccio e va’ a casa tua. Quegli si alzò, prese il suo lettuccio e se ne andò in presenza di tutti”.