don Franco Scarmoncin – Commento al Vangelo di domenica 29 Ottobre 2023

Commento al brano del Vangelo di: ✝ Mt 22,15-21

235

“Amerai il Signore tuo Dio…

e il prossimo come te stesso”

– Mi ha sempre creato un certo disagio

questa legge che ogni Ebreo doveva osservare

e che anche Gesù fa sua.

Ma cosa significa “amare Dio” ?

Forse: andare Messa alla domenica?

Posso capire “ama” (tratta) il prossimo

come ami (tratti) te stesso…

Sarà difficile trattare il mio prossimo

come tratto me stesso… ma si può provare;

è fattibile.

La 1° Lettura fa alcuni esempi di “amore al prossimo”:

         – “non trattare male il forestiero,

         – non maltrattare le persone emarginate e sole

         come la vedova e l’orfano, che nessuno difende;

         – presta il tuo denaro a chi te lo chiede

         e non essere usuraio;

         – se prendi in pegno il mantello di un tuo debitore

         alla sera rendiglielo…

Sottolineature:

1°- La 1° Lettura non ha alcun riferimento a Dio,

         ma si preoccupa solo delle persone.

2°- Noi siamo sempre stati fin troppo attenti

         ai diritti di Dio, ad adorarlo e a pregarlo,

         ma non altrettanto attenti al nostro prossimo.

3°- Cosa significa: “Amare Dio” ?

S.Giovanni che scrive il Vangelo

e che aveva una conoscenza diretta con Gesù,

scrive che nessuno può dire di amare Dio

se non ama il fratello.

Quindi amare Dio

si esprime e significa: amare gli altri.

Don Lorenzo Milani scrive

“Cari ragazzi,

ho voluto più bene a voi che a Dio,

ma ho speranza che lui non stia attento a queste sottigliezze e abbia scritto tutto al suo conto.

Don Milani non è mai stato apprezzato come prete

dalla sua Chiesa, perché non si comportava da santo, come veniva considerato spesso il mezzo uomo

pio, buono, sempre devoto e con il rosario in mano.

Tuttavia lo era; aveva capito la sintesi del messaggio

di Gesù: “L’amore al prossimo, ai suoi ragazzi,

era autentico amore verso Dio”.

5°- Chi è il “prossimo” ?

         Sono io…

         se mi avvicino,

         se mi faccio prossimo a qualcuno.

6° Non credo che ci sia qualcuno

in grado di “amare Dio”.

Che cosa significa: Amare Dio?

Non preoccupiamoci di Dio.

“Dio – Patria – Famiglia “

può essere un vasto programma;

ma non dobbiamo preoccuparci di Dio,

quanto piuttosto della nostra povera Italia, sì,

e della nostra Famiglia;

della realtà che abbiamo attorno,

forse possiamo migliorarla un poco.

Cerchiamo piuttosto di volare bassi

ed essere più concreti e veri:

salutiamo anche il nero che incontriamo sul marciapiede;

– prepariamo una borsetta di alimentari per qualche famiglia in difficoltà;

– andiamo a dare una mano in comune, in parrocchia, nel quartiere per qualche servizio;

– prendiamoci un sacco di plastica e raccogliamo

quanto viene lasciato sui marciapiedi e ni giardini…

Amare Dio

si esprime nel rispetto verso gli altri.

Fonte

Icona

Mt 22, 34-40 | don Franco Scarmoncin 29 kb 8 downloads

XXX domenica del tempo ordinario, anno A (29 Ottobre 2023) …