Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 21 Agosto 2023

226

Il Vangelo non ci dice il nome di quel giovane, e questo suggerisce che possa rappresentare ciascuno di noi. Egli appare ben educato e istruito, e animato da una sana inquietudine che lo spinge a cercare la vita in pienezza. Ma il giovane pensa a un bene da conquistare con le proprie forze. Gesù lo indirizza a Dio, che è l’unico e sommo Bene da cui viene ogni altro bene.

Per aiutarlo ad accedere alla sorgente della vera felicità, Gesù gli indica la prima tappa da percorrere, cioè quella di imparare a fare il bene verso il prossimo: «Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Gesù capisce anche qual è il punto debole del suo interlocutore: è troppo attaccato ai molti beni materiali che possiede. Perciò il Signore gli propone una seconda tappa da compiere, quella di passare dalla logica del “merito” a quella del dono: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo».

Gesù cambia la prospettiva: passare dai precetti osservati per ottenere ricompense all’amore gratuito e totale. Quello che Gesù propone non è tanto un uomo spoglio di tutto, quanto un uomo libero e ricco di relazioni. Se il cuore è affollato di beni, il Signore e il prossimo diventano soltanto cose tra le altre. Il nostro troppo avere e troppo volere ci soffocano il cuore e ci rendono infelici e incapaci di amare. Infine Gesù propone una terza tappa, quella dell’imitazione: «Vieni! Seguimi!». In cambio, riceveremo una vita ricca e felice, piena di volti di tanti fratelli e sorelle, e padri e madri e figli. Seguire Cristo non è una perdita, ma un incalcolabile guadagno.

- Pubblicità -

Ad ognuno di voi Gesù dice: «Vieni! Seguimi!». Abbiate il coraggio di vivere la vostra giovinezza affidandovi al Signore e mettendovi in cammino con Lui. Lasciatevi conquistare dal suo sguardo di amore che ci libera dalla seduzione degli idoli, dalle false ricchezze che promettono vita ma procurano morte. Non abbiate paura di accogliere la Parola di Cristo e di accettare la sua chiamata. (sintesi del messaggio del Santo Padre Francesco ai giovani, 29 giugno 2021)

Per riflettere

“Abbiate il coraggio di vivere la vostra giovinezza affidandovi al Signore e mettendovi in cammino con Lui. Lasciatevi conquistare dal suo sguardo di amore che ci libera dalla seduzione degli idoli, dalle false ricchezze che promettono vita ma procurano morte. Non abbiate paura di accogliere la Parola di Cristo e di accettare la sua chiamata”. Queste parole del Santo Padre quanto trovano applicazione nella vita di tutti i giorni, in casa, al lavoro nel tempo libero?

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi