Novena dell’Immacolata

282

La novena alla Madonna Immacolata inizia il 29 novembre e si conclude il 7 dicembre, giorno della vigilia della solennità dell’Immacolata Concezione.

Preghiera iniziale

Vergine purissima, concepita senza peccato, tutta bella e senza macchia dal primo istante, Ti
venero oggi sotto il titolo di Immacolata Concezione. Il Tuo Divino Figlio mi ha insegnato, 
attraverso la Sua stima, rispetto e sottomissione a Te, quali onori e omaggi io Ti dovrei prestare. 
Tu sei il rifugio sicuro dei peccatori pentiti e per questo ricorro a Te, attraverso questa novena. 
Sei la Madre di Misericordia cui presento le mie miserie e ti chiedo di aiutarmi, poiché, dopo 
Gesù, sei tutta la mia speranza. 
Con la Tua intercessione materna, Madonna piena di bontà e potere presso il Signore,
Ti supplico di farmi ottenere … (esporre la grazia richiesta). 
Se ciò che Ti chiedo non è per la gloria di Dio ed il bene della mia anima,
fammi avere quello che sia più conforme a entrambi. Amen! 

 

1° Giorno – Parola di Dio (Gn 3,8-15). Redenta in modo eminente in vista dei meriti del Figlio suo e a lui unita da uno stretto e indissolubile vincolo, è insignita del sommo ufficio e dignità di madre del Figlio di Dio. (LG 53).

2° Giorno – Parola di Dio (Lc 1,26-38). Viene riconosciuta quale sovreminente e del tutto singolare membro della Chiesa, figura ed eccellentissimo modello per essa nella fede e nella carità. (LG 53).

3° Giorno – Parola di Dio (Lc 1,39-56). I libri del Vecchio e Nuovo Testamento e la veneranda tradizione mostrano in modo sempre più chiaro la funzione della madre del Salvatore nella economia della salvezza e la propongono per così dire alla nostra contemplazione. (LG 55).

4° Giorno – Parola di Dio (Lc 2, 1-20). Il Padre delle misericordie ha voluto che l’accettazione da parte della predestinata madre precedesse l’incarnazione, perché così, come una donna aveva contribuito a dare la morte, una donna contribuisse a dare la vita. (LG 56).

5° Giorno – Parola di Dio (Lc 2,22-35). Udì Simeone profetizzare che il Figlio sarebbe divenuto segno di contraddizione e che una spada avrebbe trafitto l’anima della madre, perché fossero svelati i pensieri di molti cuori. (LG 57).

6° Giorno – Parola di Dio (Gv 19,25). La beata Vergine avanzò nella peregrinazione della fede e serbò fedelmente la sua unione col Figlio sino alla croce, dove, non senza un disegno divino, se ne stette. (LG 58).

7° Giorno – Parola di Dio (1 Tm 2,5-6). La funzione materna di Maria verso gli uomini in nessun modo oscura o diminuisce questa unica mediazione di Cristo, ma ne mostra l’efficacia. (LG 60).

8° Giorno – Parola di Dio (Ef 5,27). La Chiesa ha già raggiunto nella beatissima Vergine quella perfezione, che la rende senza macchia e senza ruga. (LG 65).

9° Giorno – Parola di Dio (2 Pt 3,10). La madre di Gesù costituisce l’immagine e l’inizio della Chiesa che dovrà avere il suo compimento nell’età futura, così sulla terra brilla ora innanzi al peregrinante popolo di Dio quale segno di sicura speranza e di consolazione, fino a quando non verrà il giorno del Signore. (LG 68).

 

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 25 Novembre 2018 – don Claudio Luigi Fasulo
Articolo successivoPapa Francesco – Omelia e Angelus del 25 Novembre 2018 – Il testo e il video