Mt 11, 28-30

51

Io sono mite e umile di cuore.

28Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. 29Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero”.

LEGGI TUTTI I COMMENTI AL VANGELO DI QUESTO BRANO

Articolo precedentePapa Francesco – Lettera aperta a un atleta olimpico
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 15 Luglio 2021 – Mt 11, 28-30