Gv 20, 24-29

46

Mio Signore e mio Dio!

24Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. 25Gli dicevano gli altri discepoli: “Abbiamo visto il Signore!”. Ma egli disse loro: “Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo”.

26Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: “Pace a voi!”. 27Poi disse a Tommaso: “Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!”. 28Gli rispose Tommaso: “Mio Signore e mio Dio!”. 29Gesù gli disse: “Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!”.

LEGGI TUTTI I COMMENTI AL VANGELO DI QUESTO BRANO

Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Articolo precedenteVideomessaggio del Santo Padre in occasione della presentazione del X Incontro Mondiale delle Famiglie
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 3 Luglio 2021 – Gv 20, 24-29