Pretacci

96

Da alcuni anni Candido Cannavò si dedica
all’esplorazione di importanti realtà sociali, regalandoci viaggi
all’interno di mondi variegati e sfaccettati, come quello delle carceri
e dei disabili.

Oggi Cannavò dipinge la realtà dei preti da
marciapiede, quegli uomini coraggiosi e per molti versi ribelli che
hanno scelto di compiere la loro missione sulla strada, tra prostitute,
immigrati, tossicodipendenti, o in carcere, in difesa del rispetto per
l’individuo e della libertà. Dal milanese don Rigoldi al genovese don
Gallo (meglio conosciuto come “il prete no global”) ai cappellani di
San Vittore e del carcere di Opera: sedici ritratti indimenticabili,
sedici personalità controverse che la straordinaria franchezza della
prosa di Cannavò ci restituisce in tutta la loro umanità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.