Commento a Giosuè 20-24 (Gs 20-24)

132

Fuori dalla terra consacrata è meglio che ci sia o che non ci sia un altare a Dio? Le invidie umane portano i capi israeliti a pensare che quell’altare sia in concorrenza con quello ufficiale al cuore della Terra Promessa. Anzi, farlo in terra non consacrata sarebbe stato un affronto, un oltraggio, una vera e propria bestemmia verso il Santissimo.

Ma, diretti per la spedizione punitiva o perlomeno per ricondurli alla “vera religione”, si trovano disarmati dalla spiegazione di quelli: è semplicemente la loro testimonianza della presenza della fede in Dio anche lì, perché i posteri non pensino che loro siano separati dal Signore, separati da Israele non solo fisicamente ma pure spiritualmente.

Qual è il luogo più profano in cui hai notato una testimonianza di fede nel Signore?

Leggi qui i capitoli della Bibbia.

A cura di Piotr Zygulski

Articolo precedentePer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 28 Maggio 2021
Articolo successivoCommento a Giudici 1-4 (GdC 1-4)