Wim Wenders – Il sale della terra

17

Da quaranta anni Sebastiao Salgado attraversa i continenti, inseguendo un’umanità in pieno cambiamento e un Pianeta che a questo cambiamento resiste. Testimone di alcuni tra i fatti più sconvolgenti dell’era contemporanea, Salgado è passato alla scoperta di territori inesplorati, per incontrare la fauna e la flora selvagge in un grande progetto fotografico. Accanto a lui, con un ruolo via via più importante, il figlio Juliano Ribeiro Salgado e, in questa circostanza, Wim Wenders, regista e fotografo egli stesso.

[ads2]

[highlight]Valutazione Pastorale: Di volta in volta i grandi progetti realizzati da Salgado hanno trovato un punto di incontro in raccolte editoriali diventate famose: da “Other Americans” (sulle terre sudamericane) a “Sahel, The End of the Road”, da “Workers” a “Exodus” fino a quella più recente, “Genesis”. In quest’ultima in particolare è esemplificato un punto d’arrivo importante. Dopo infiniti percorsi nel mondo, Salgado decide di dedicarsi alla tenuta di famiglia in Brasile per curarne il rimboschimento e farla rinascere: quella tenuta è ora un parco nazionale. Di fronte alla Natura che muore e rinasce in un ciclo continuato, Salgado riflette sulla propria età ormai avanzata e sulla linea unica che lega vita e morte. L’armoniosa visione di alberi e piante compensa ora tutte le sofferenze viste e vissute in guerre, migrazioni, carestie. Salgado attraverso i decenni ha documentato tutto con uno sguardo lucido e severo, poetico senza retorica nè banalità. Wenders, anch’egli affascinato dalla fotografia, si è assegnato il ruolo di mettere insieme l’immagine fissa e quella in movimento. Compito non facile, a dire il vero. Certe volte sembra che gli scatti di Salgado siano più dinamici della capacità di Wenders di mostrarli allo spettatore. Resta il fascino del fotografo, la sua infinita creatività come storico e testimone. Wenders incede, da parte sua, sembra in difficoltà di fronte a quel diluvio di umanità nervosa, umiliata, disperatamente bella. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti. [/highlight]

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmzione ordinaria e in successive occasioni come proposta del tutto originale e nuova, ancge come occasione per studiare il rapporto tra fotografia e cinema.

il_sale_della_terra_poster

  • Genere:Documentario
  • Regia: Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado
  • Interpreti: Sebastiao Salgado, Wim Wenders (se stessi).
  • Nazionalità: Francia/Italia/Brasile
  • Distribuzione: Officine Ubu
  • Anno di uscita: 2014
  • Origine: Francia/Italia/Brasile (2014)
  • Soggetto e scenegg.: Juliano Ribeiro Salgado, Wim Wenders, David Rosier
  • Fotografia (Panoramica/a colori): Hugo Barbier, Juliano Ribeiro Salgado
  • Musiche: Laurent Petitgand
  • Montagg.: Maxine Goedicke, Rob Meyers
  • Durata: 110′
  • Produzione: Amazonas Images, Decia Films, Solaris Fondazione delle Arti.
  • Giudizio: Consigliabile/problematico/dibattiti **
  • Tematiche: Animali; Ecologia; Famiglia; Mass-media; Rapporto tra culture.

Fonte

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.