mons. Gianfranco Ravasi – Le Frontiere dello Spirito del 9 gennaio 2011

122

Nella prima parte, monsignor Ravasi approfondisce le letture tratte dal  libro del profeta Isaia:
“Così dice il Signore: Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto di cui mi compiaccio. Ho posto il mio spirito  su di lui; egli porterà il diritto alla nazioni.”
Seguirà – come sempre – la poesia di padre Turoldo, letta dall’attrice Pia Lanciotti.
La seconda parte del programma, curata da Maria Cecilia Sangiorgi, è dedicata ai santi protettori.
I nostri progenitori nei secoli hanno creato un universo di santi a cui rivolgersi per qualunque pena grande o piccola. 
I santi sono visti come degli intercessori tra gli esseri umani e Dio, come protettori per i vivi.
Il concetto di santo come persona dalle qualità perfette esiste in molte religioni del mondo, ma nella religione cristiana l’iniziale riconoscimento popolare di qualità speciali in uomini e donne considerati sacri, è stato riconosciuto ufficialmente.
In particolare, quella dei santi patroni è una tradizione tipica della Chiesa cattolica. Già intorno all’XI secolo, le singole persone, in momenti di particolare difficoltà personali o comunitarie  si rivolgevano  a loro.
I Santi Protettori, sono  invocati a difesa della nostra anima, dei mali fisici, dei pericoli della vita di tutti i giorni.
L’argomento viene approfondito dal professor Franco Cardini, celebre storico e professore universitario di storia medioevale all’Università di Firenze.